Seguici su

Consumatori

Perché il Governo vuole eliminare le banche popolari?

Di Azzurra Cancelleri

Pubblicato

il

Perché il Governo vuole eliminare le banche popolari? Secondo quanto riportato su Avvenire, l’esecutivo guidato dal premier Renzi «si appresta a discutere e decidere in merito al decreto che obbligherebbe le principali banche popolari a voto capitario a tramutarsi, oltre una certa soglia dimensionale, in società per azioni perdendo totalmente la propria natura mutualistica». Sulla questione è intervenuta Azzurra Cancellieri, deputato M5S. Di seguito il suo intervento pubblicato in rete (clicca qui).

«PERCHE’ NON CI PIACE L’ART.1 CHE TRASFORMA LE BANCHE POPOLARI (BP) IN SPA ?  – I motivi sono tantissimi e sono contenuti nella stessa relazione del decreto legge. Per rispondere mi farò aiutare da dati che sono emersi dalle nostre audizioni e da esponenti che voi – almeno fino a ieri – ritenevate autorevoli … cosi che, se dovessi dire qualcosa che vi pare lontana dalla realtà, non saremo i soli:

1) LO VUOLE L’ UNIONE EUROPEA. Leggiamo però nella memoria di AssoPopolari che “La commissione europea a seguito di una lunga e penetrante indagine ha espressamente dichiarato che tutte le banche popolari sono vere cooperative sia nella forma che nella sostanza e che la loro disciplina è pienamente compatibile con quella dell’ UE e con il trattato UE”.

2) COSI DIAMO PIU’ CREDITO.  I dati dicono altro : Le banche popolari sono da sempre quelle che hanno finanziato principalmente la piccola e media impresa anche durante la crisi. Secondo la CGIA di Mestre dall’inizio del credit crunch (2011) fino alla fine del 2013 le popolari hanno aumentato i prestiti alla clientela del 15,4 % mentre le SPA registravano un – 4,9% e gli istituti di credito cooperativi un – 2,2 % . Nel periodo 2008-2014 i nuovi finanziamenti erogati dalle popolari alle PMI sono ammontati a 250 miliardi di euro. Gli impieghi totali sono aumentati di oltre il 15% di cui il 10% verso PMI.
Nel sistema economico la quota di prevalenza delle POPOLARI verso le PMI era pari al 66% con il 33% del resto del sistema. Mi pare che – dati alla mano – se è questo l’obiettivo, cambiare la forma giuridica e quindi anche la mission delle Banche Popolari sia quanto di più sbagliato si possa fare.

3) HANNO PERSO LA SOSTANZA MUTUALISTICA: La perdita della caratteristica della mutualità non è causa delle banche popolari definite “cattive” ma va ricercata nelle modifiche legislative intervenute negli anni 2003/2004 con l’introduzione della “mutualità prevalente”. Si dovrebbe quindi intervenire sul decreto LEGISLATIVO NUMERO 310 DEL 28 DICEMBRE 2014 e non prevedere in un DL la loro trasformazione in spa.

4) RAZIONALIZZAZIONE DELLE FORME DI IMPRESA BANCARIA.
Una delle motivazioni del decreto è il riordino dovuto al nuovo contesto. In Italia abbiamo le Bcc, le Popolari e SPA come in tutti gli altri paesi europei… quale ordine si possa fare in un paese in cui esistono in pratica solo TRE tipologie di forme giuridiche di banche…. NON – SI – CAPISCE!

5) ESIGENZE DI MAGGIORE RICAPITALIZZAZIONE. Non c’è nessuna motivazione per la trasformazione in SPA se alla base c’è la voglia di ricapitalizzare le popolari: queste infatti possono già farlo in base all’articolo 31 del TUB. Alcune lo hanno già fatto: delle dieci banche popolari che con questo DL verrebbero trasformate in SpA, già sette sono quotate. Semmai ci attendevamo dalla riforma che essa mettesse in condizione le maggiori banche popolari di aumentare il loro capitale nella misura e, soprattutto, con la rapidità che possono essere richieste dalle circostanze rivolgendosi a una platea più ampia di risparmiatori e investitori.

6) RIORDINO DOVUTO AL CONTESTO: Anche in questo caso faccio parlare altri per me. Su “Avvenire” si legge: “Che guai “sistemici” possano provocare 380 banche con un tasso di commissariamento pari ad appena l’1,9% è difficile da comprendere. Ma il sistema di vigilanza previsto dall’Unione bancaria europea – a differenza di quello statunitense, ad esempio – non è stato costruito in modo così raffinato da distinguere taglie finanziarie e soprattutto ruoli sociali.” Emerge piu’ una responsabilita’ che riguarda chi dovrebbe fare vigilanza che delle BP in se, eppure la via scelta è quella di NON agire sul problema reale MA di smembrare l’unica forma giuridica di banca che, in maniera sostanziale, forniva accesso al credito alle nostre PMI. Chissà se un giorno capiremo perché tanto odio da parte di questa maggioranza verso i nostri imprenditori!

7) CRITERIO DEGLI 8 MILIARDI: Sempre da quanto emerge dalle audizioni in commissione affiora come, fissando questo criterio, più che attrarre gli investitori istituzionali come scritto nella relazione, porterete le popolari che non vogliono esser trasformate in spa – a porre un freno all’erogazione di credito se si trovino vicine alla soglia degli 8 miliardi solo per evitare di superare il limite oppure questo criterio potrebbe determinare la rinuncia a procedere verso fusioni anche quando fossero utili o addirittura necessarie.
A peggiorare la situazione è il fatto che la cifra degli 8 miliardi è una scelta assolutamente arbitraria (l’europa parla infatti di 30 miliardi) che – casualmente – serve per far rientrare tra le trasformate anche banca etruria… ma è solo un caso che sia la banca in cui il vicepresidente è il sig.Boschi papà della ministra.

8) PERDITA DELLA TERRITORIALITÀ: E’ vero: Le popolari italiane maggiori si sono notevolmente allontanate dal modello di “banca del territorio” a cui erano e restano informate le tante banche cooperative presenti in altri paesi europei. Dobbiamo però chiarire che cosa intendiamo per banca del territorio? Le definizioni possibili sono molte, ne scelgo qui una che mi sembra particolarmente calzante: una banca che concentri i suoi prestiti in un territorio circoscritto e che, inoltre, rappresenti una quota rilevante dei prestiti erogati in quel territorio.

Un legame reciproco, quindi: il territorio è importante per la banca, la banca è importante per il territorio. Adoperando questa definizione insieme a parametri quantitativi ragionevoli, rileviamo in Italia quasi 300 “banche del territorio”, con una quota del mercato nazionale del 4% in termini di attivo, del 6% in termini di prestiti alle imprese.
Nessuna delle 10 maggiori popolari – effettivamente – si avvicina a questo modello perché, ad esempio, esse hanno in media sportelli in 60 provincie, un numero vicino a quello (circa 70) delle prime tre banche italiane.

Ma se questo è il problema – che non è un problema DELLE BANCHE POPOLARI ma di una piccola parte di esse – si potrebbe modificare la normativa circoscrivendo l’attività in un determinato territorio e applicare questo principio o inserirlo nella definizione di banca popolare. Noi avevamo proposto anche questo ma secondo la maggioranza e secondo Renzi è più facile trasformare delle cooperative in spa piuttosto che dire ad una BP che deve limitare nello spazio la propria attività. Punti di vista.

9) PERDITA DI CIRCA 20000 POSTI DI LAVORO: Sempre da quanto rappresentato in audizione da tutti i sindacati auditi, TUTTI erano concordi nel denunciare il disastroso impatto che questo “semplice” articolo 1 avrebbe ANCHE in termini occupazionali.

COSA OTTERREMO DA QUESTO DECRETO?
SICURAMENTE – come dicevo – LA PERDITA DI NUMEROSI POSTI DI LAVORO e pur ammettendo che esistono dei problemi da affrontare in riferimento alle BP, il PROF.GIARDA ( E NON NOI OPPOSIZIONE) in audizione dice: “L’intenzione è semplice e le banche che sono maggiormente coinvolte, praticamente sono collocati in tre regioni, emilia, lombardia e veneto: Non a caso le regioni che hanno sviluppato la Piccola e Media Impresa italiana. Cosa c’entrano le banche con questa innovazione industriale che si sta cercando di mettere in piedi? L’INTENZIONE E’ QUELLA DI DISTRUGGERE LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE?” e noi questo pensiero lo condividiamo… speriamo che questo non renda meno autorevole il Prof. Giarda.

COSA VOLEVAMO?
Abbiamo chiesto e lo chiedevano diversi gruppi e diversi parlamentari di NON TRATTARE QUESTA MATERIA CON UN DECRETO LEGGE ma con un disegno di legge parlamentare che ci permettesse – senza scadenze e imposizioni governative – di trovare una soluzione migliore e condivisa, di approfondire per esempio chi è e cosa dice realmente la “dottrina italiana” genericamente citata nella relazione o la posizione del FMI sulle BP che cambia DRASTICAMENTE nell’arco di appena 6 anni: come mai? Perché? Sarebbe interessante capire quali siano i reali motivi e intervenire su quelli.
Questa proposta che probabilmente senza un dictat governativo sarebbe stata accolta, non è stata nemmeno presa in considerazione. Fonti autorevoli sostengono che “Renzi non voleva”.
Ci saremmo accontentati anche di un’apertura per poter modificare l’art.1 in maniera condivisa e ragionata visto che TUTTI chiedevamo di poter mettere mano sul suo contenuto.

Abbiamo cercato di collaborare ma com’è noto il governo non è troppo democratico!
Rimane la domanda clou: perchè questo Governo odia tanto le nostre PMI?»

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

Consumatori

Bollette polemica “Dalla Chiesa vs ENEL”| ADICONSUM: è il momento di cambiare

Pubblicato

il

Carlo DE MASI, Presidente di Adiconsum nazionale:
Basta costi extra sulla bolletta della luce.
Il PNIEC parta dalla riduzione del costo dell’energia,
a cominciare dalla revisione degli oneri generali di sistema
22 marzo 2019 – I costi extra della bolletta, i c.d. oneri generali di sistema, sono tornati alla ribalta grazie alla denuncia della nota conduttrice Rita Dalla Chiesa.

Da tempo – dichiara Carlo De MasiPresidente di Adiconsum nazionale – denunciamo questa pratica. Più volte e in varie occasioni, abbiamo sottolineato l’esigenza di una revisione della struttura tariffaria, a partire dagli oneri generali di sistema, adeguandola alle scelte energetiche che il Governo si darà.

La nostra proposta – prosegue De Masi – è di contenere e ridurre i costi, trasferendo una quota degli oneri generali di sistema sulla fiscalità generale, come già avviene in altri Paesi. Ciò anche per combattere la povertà energetica e permettere a tutti di accedere all’energia. Anche a tal proposito, abbiamo presentato, in più occasioni, le nostre proposte.

Auspichiamo – conclude De Masi – che il Piano nazionale Integrato per l’Energia e il Clima, presentato dai tre Ministeri (Sviluppo Economico, Ambiente e Trasporti, diventi l’occasione, finora mancata, di una reale svolta del nostro Paese nella politica energetica per gestire in modo adeguato la transizione energetica in atto e il cambio di paradigma.

Continua a leggere

Consumatori

Internet e luce insieme? Linkem e IREN si alleano

Pubblicato

il

Firmato l’accordo fra Iren e Linkem: nasce “Iren Casa Online”
L’accordo tra la multiutility italiana e il provider internet a banda ultra-larga permetterà alle famiglie di avere a disposizione in una sola offerta
il servizio di energia elettrica e quello di accesso a internet veloce

Torino, 21 marzo 2019 – Iren Mercato, società del Gruppo Iren, e Linkem hanno siglato un accordo grazie al quale la multiutility italiana offrirà direttamente alle famiglie un servizio di connettività internet a banda ultralarga.
Dal 1° aprile Iren fornirà un servizio per la casa di accesso a internet senza limitazioni di tempo e di traffico e con una velocità di connessione che raggiunge i 30 Mbps. Lo farà grazie a una partnership con Linkem, uno dei principali operatori del mercato italiano.
Iren è una delle più importanti e dinamiche multiutility, che opera nei settori dell’energia elettrica, del gas, dell’energia termica per teleriscaldamento, della gestione dei servizi idrici integrati, dei servizi ambientali e tecnologici. Iren Mercato è la business unit commerciale del Gruppo e vanta ad oggi 1.800.000 clienti.
Linkem – operatore leader del segmento Fixed Wireless Access che copre oltre il 65% della popolazione – metterà a disposizione di Iren oltre alla propria infrastruttura di rete, la propria rete di installatori capillare sul territorio nazionale e un servizio di assistenza tecnica dedicata.
“Siamo orgogliosi di aver firmato con un partner importante come Iren un accordo che rimane nel segno della tradizione di Linkem di rispondere alle esigenze di connettività delle famiglie in modo efficace e trasparente. L’azienda si conferma un importante player di riferimento per la sua presenza capillare sul territorio nazionale e la sua capacità di fornire servizi in grado di abilitare anche l’utilizzo di soluzioni smart per la casa”, ha sottolineato Davide Rota, Amministratore Delegato di Linkem. Gianluca Bufo, Amministratore Delegato di Iren Mercato, dichiara: “La partnership con Linkem costituisce la naturale evoluzione della nostra gamma di prodotti e servizi new downstream, dispositivi evoluti di domotica che, grazie alla connettività wireless, rendono le nostre case più smart e la nostra vita di ogni giorno più semplice. Linkem, in quanto provider internet proprietario della rete, ci dà garanzia di un servizio affidabile e sicuro. Questo è un importante passo in avanti nell’ampliamento della gamma multiservizi, che fa di noi un player nel mercato italiano delle telecomunicazioni con un modello di business di successo.”

Iren Casa Online potrà essere attivato a partire da aprile in Piemonte, e nei mesi immediatamente successivi anche in Liguria ed Emilia-Romagna. Sarà disponibile per coloro che sono già clienti Iren o che desiderano diventarlo, con un’offerta commerciale di sicuro appeal che prevede un canone mensile pari a 17.90€ al mese per i primi 48 mesi. Ai clienti che aderiranno all’offerta di energia elettrica abbinata al servizio di connettività internet verranno scontati i 5€ al mese, altrimenti previsti come costo di attivazione.
I servizi saranno venduti, attraverso gli spazi Iren, call center, sito web e agenzie autorizzate.

Continua a leggere

Consumatori

Condomini, obbligo di telelettura entro il 2020

Pubblicato

il

il 40% dell’energia consumata in Europa è legata al riscaldamento degli edifici. Da anni ormai l’Unione Europea si esprime per cercare di far decrescere questi numeri allarmanti. Ci ha provato prima stabilendo i
dettami per una corretta ed equa ripartizione delle spese di climatizzazione invernale in edifici di tipo condominiale e dopo con l’obbligo di installazione dei dispositivi di contabilizzazione di calore negli edifici
serviti da impianto termico centralizzato. Gli obiettivi però sono stati raggiunti solo in parte, dato che non sono mai effettivamente partite le tanto vaticinate sanzioni tra i 500 e i 2.500 euro per chi non si fosse
adeguato a norma.
Ora l’Unione Europea alza l’asticella per raggiungere un obiettivo al quale miriamo tutti: consumi più trasparenti per i riscaldamenti centralizzati nei condomini. Per raggiungere questo traguardo ci saranno delle tappe che ci auspichiamo vengano rispettate da tutti:
 la prima – entro il 25 ottobre 2020 – prevede che tutti i nuovi contabilizzatori installati dovranno consentire la lettura a distanza.
 La seconda – entro l’1 gennaio 2027 – prevede la definitiva sostituzione degli odierni modelli che non consentono il controllo da remoto. Ciò significa che quelli già installati ma sprovvisti di tale capacità dovranno essere sostituiti.
 La terza, un vero e proprio obiettivo finale: aumentare l’efficienza energetica del 32,5% entro il 2030.
Chissà che questi nuovi obiettivi non siano uno stimolo per far ritrovare al mercato un’accelerazione che non si vede dal 2016. Si tratta di scelte che mirano ad un futuro migliore e rappresentano un passo avanti
importante nei confronti di quella Digital Transformation che sta rivoluzionando tutti i settori, l’obbligo alla telelettura non fa eccezione. L’Automatic Meter Reading, di cui Qundis fa uso da anni, infatti, rappresenta la più innovativa tecnologia nell’ambito della lettura automatica dei contatori: Attraverso dei semplici nodi di rete i dettagli sui consumi energetici del riscaldamento, dell’acqua, della corrente e del gas vengono raccolti e trasferiti direttamente all’ amministratore di condominio o alle società di SSP. Con estrema semplicità, quindi, i dati di consumo vengono trasmessi da un modulo radio a una centrale operativa di
raccolta e scaricati su un determinato dispositivo, il tutto all’insegna dello smart metering.
L’obbligatorietà alla telelettura implica anche maggiore sicurezza: tutti i dati che vengono trasmessi tra la rete AMR e il server, infatti, sono crittografati e durante il trasferimento dei dati non vi è alcun collegamento tra unità abitativa e il singolo dispositivo.

L’obietto dell’Unione Europea è quello di arrivare entro il 2050 a edifici ad impatto tendente allo zero e non si tratta di un obiettivo impossibile. Il solo monitoraggio di tutti i propri consumi insieme alla tempestiva
informazione del consumatore può far risparmiare fino al 30%; allo stesso modo l’installazione di contabilizzatori di calore nei condomini può ridurre i costi fino al 20%. Grazie alla telelettura obbligatoria arriveranno ulteriori vantaggi: si abbasseranno i valori di consumo e si potrà godere di una maggiore e tempestiva ricezione di tali dati, in modo che anche l’utente finale possa modificare il proprio comportamento nell’utilizzo dei vari strumenti messi a disposizione e contribuire attivamente al risparmio.
Sicuramente ogni cambiamento porta con sé delle criticità ma, soprattutto, delle concrete opportunità di miglioramento: nel caso degli operatori del settore, si tratta di ampliare la loro professionalità, avere accesso a nuove competenze, allargare il proprio giro d’affari e anche formarsi nel miglior modo possibile, nel rispetto della normativa. Ma al di là dell’obbligo di legge, è un’opportunità di cambiamento a livello globale che deve essere colta ora, proprio con la sensibilizzazione e l’azione dei singoli. La gestione delle risorse energetiche è un tema che non può più essere messo da parte e deve interessare tutti perché si connette direttamente alla qualità dell’ambiente e del mondo in cui viviamo.

Continua a leggere