Sul caso Striscia la notizia-Agenzia delle Entrate interviene a gamba tesa il Codacons, che difende il tg satirico di Antonio Ricci e chiede l’intervento diretto del Ministro dell’economia Pier Carlo Padoan.

Le minacce di querele da parte del direttore dell’Agenzia Rossella Orlandi sono inaccettabili – afferma l’associazione – I servizi di Striscia non hanno fatto altro che sollevare un problema, da risolvere non con le carte bollate ma attraverso misure che vadano nell’interesse dei contribuenti e della stessa Agenzia. Se la Orlandi querelerà davvero il tg di Antonio Ricci, il Codacons interverrà in giudizio a difesa della trasmissione.

La storia sembra ripetersi – denuncia inoltre l’associazione – Già nel 2009 l’allora direttore dell’Agenzia delle Entrate, Attilio Befera, querelò il presidente Codacons Carlo Rienzi, colpevole di aver denunciato il fenomeno delle “cartelle pazze” fornendo i numeri degli errori dell’amministrazione.

“Chiediamo l’intervento del Ministro Padoan affinché spieghi all’Agenzia che con le querele e le prove di forza non si risolvono i problemi, non si combatte l’evasione fiscale e non si rende un servizio al contribuente” – afferma il presidente Carlo Rienzi, candidato a sindaco di Roma.