È passato più di un mese da quando le Associazioni dei Consumatori Adiconsum, Adoc, Cittadinanzattiva, Federconsumatori e Movimento Consumatori hanno incontrato il Sottosegretario al Turismo, Simonetta Giordani, per richiedere la costituzione di un “nuovo” Fondo di Garanzia che tuteli i viaggiatori nei casi di fallimento di tour operator e di insolvenza delle compagnie aeree. Il Sottosegretario si era impegnato ad introdurre modifiche in tal senso nel prossimo provvedimento sul pacchetto turismo. Ma, ad oggi, ancora tutto tace.

Il tempo passa e al di là di vaghe promesse non è stato fatto ancora alcun passo avanti.

Una situazione che suscita forte preoccupazione. L’attuale Fondo previsto dal Codice del Turismo si è infatti dimostrato, in più occasioni, del tutto inefficace, discriminatorio e incapiente  a fronte di una cessazione improvvisa delle operazioni da parte di tour operator o agenzie di viaggi. Inoltre non prevede alcuna copertura in caso di fallimento delle compagnie aeree, i cui passeggeri continuano ad essere privi di qualsiasi protezione.

Per questo abbiamo proposto la costituzione  di un Fondo, a carico delle compagnie aeree, oltre che dei tour operator, che possa garantire la totale copertura o riprotezione in caso di insolvenza, fallimento o rimpatrio di emergenza.

Si tratterebbe di un notevole progresso nella tutela dei cittadini, che in questo modo sarebbero garantiti a prescindere dalle modalità di acquisto del proprio titolo di viaggio.