Seguici su

News

I diamanti venduti da Intesa San Paolo

Pubblicato

il

Diamanti Diamond Private Investment (Dpi) e Intesa Sanpaolo: ecco cosa avviene nelle agenzie!
Firenze, 20 marzo 2017. Riguardo la storia dei “diamanti d’oro” di Intesa Sanpaolo (1) abbiamo ricevuto una testimonianza da parte di un cliente su cosa sta avvenendo nelle agenzie del Gruppo.
“Ho avuto la malaugurata idea di acquistare due diamanti da 0.5 carati cadauno al prezzo di circa 16.000 euro, e tramite i recenti eventi ho scoperto che il mio gioielliere me li avrebbe venduti, incastonati su anelli, alla metà del prezzo.
Quando sono tornato nell’agenzia Intesa Sanpaolo mi hanno ampiamente rassicurato che avrei potuto restituire i diamanti e mi hanno procurato un incontro col venditore della Diamond Private Investment (Dpi).
Durante questo incontro il funzionario Diamond Private Investment ha cercato di stordirmi con un fiume di parole sui diamanti da collezione, sulle Ferrari, sui vini da 600 euro a bottiglia, e via dicendo. Magicamente poi i diamanti avevano già maturato un aumento, cui di lì a pochi giorni ne sarebbe scattato un secondo, ma io sempre più deciso ho detto loro che volevo riavere i miei soldi.
Dopo alcune settimane da Intesa Sanpaolo mi hanno invitato a scrivere una raccomandata a Diamond Private Investment in cui avrei dovuto spiegare che dopo l’esplosione della vicenda avevo cambiato idea e che volevo rendere i diamanti senza spese di commissione. Cosa che ho fatto, allegando il parere del gioielliere.
A distanza di mesi, ogni settimana mi rassicurano che si tratta solo di stabilire la data del reso ma di non preoccuparmi che anche la direzione (regionale?) della banca ha approvato il reso senza commissioni”.
Il nostro lettore ha fatto benissimo a resistere senza farsi abbindolare dalle panzane raccontate dal venditore Diamond Private Investment, e fa altrettanto bene ad insistere per restituire i diamanti a fronte del rimborso integrale delle assurde cifre pagate.
Cogliamo l’occasione per evidenziare come ancora una volta la realtà sia ben diversa dai comunicati-stampa.
Poche settimane fa Diamond Private Investiment aveva annunciato l’apertura di “un tavolo di confronto per sviluppare progetti a favore dei consumatori” per creare “un codice etico nella presentazione al mercato”. Un tavolo cui alcune associazioni di consumatori, come al solito, si erano precipitate ad aderire. (2)
L’etica, come al solito, appare solo nei comunicati mentre la realtà è quella che il nostro lettore ci ha raccontato: i diamanti Diamond Private Investment sarebbero ottimi investimenti, il loro valore sarebbe già aumentato e lo sarebbe stato di nuovo di lì a pochi giorni!
Ecco la vera etica della Diamond Private Investment e di Intesa Sanpaolo!
Ribadiamo quindi l’invito a tutti i clienti Intesa Sanpaolo, ma non solo, incappati nell’acquisto di diamanti a prezzo doppio ed anche triplo rispetto a quello di mercato a non cadere in una nuova trappola e contattare Aduc per essere assistiti nei confronti della Diamond Private Investment (Dpi) ed anche della Intermarket Diamond Business (Idb) assieme alle banche che ne hanno collocato i prodotti.
Anna D’Antuono, legale, consulente Aduc
COMUNICATO STAMPA DELL’ADUC
Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

News

CODICI esprime soddisfazione per le nomine dei Presidenti delle Commissioni permanenti di Camera e Senato

Pubblicato

il

Nominate le Presidenze delle Commissioni parlamentari alla Camera e al Senato

Il Segretario Nazionale di CODICI, Ivano Giacomelli, e il Responsabile Affari Istituzionali di CODICI, Luigi Gabriele, esprimono soddisfazione per le nuove nomine.

“Siamo lieti di assistere alla nomina del Senatore Gianni Girotto come Presidente della X Commissione Industria del Senato – afferma il Segretario Nazionale dell’Associazione CODICI Ivano Giacomelli –  una persona che si è sempre dimostrata vicina ai consumatori, occupandosi di varie tematiche dalle banche all’energia. Un plauso in particolare – continua il Responsabile Affari Istituzionali di CODICI, Luigi Gabriele – per la sua prima dichiarazione pubblica in cui ha affermato che la fine del mercato tutelato può attendere. Anche noi di CODICI siamo di questo avviso e per tale motivo stiamo organizzando un Gruppo d’Acquisto, come rete di protezione al fine di tutelare i consumatori dal rischio speculazioni, che sarà lanciato nel caso in cui il Parlamento non faccia un passo indietro”.
CODICI chiede ai nuovi Presidenti nominati oggi di porre particolare attenzione alla legge sull’azione di classe, prima ancora di qualsiasi liberalizzazione dei mercati, perché ad oggi non ci sono strumenti di difesa nei confronti dei consumatori vessati.
“Plaudiamo alla nomina del Senatore Daniele Pesco alla Commissione Bilancio del Senato –  prosegue il Responsabile Affari Istituzionali di CODICI, Luigi Gabriele – persona che nelle battaglie del settore bancario si è mostrato vicino ai consumatori”.
I Presidenti nominati oggi, insieme agli altri Presidenti delle Commissioni e al Sottosegretario al Ministero dello Sviluppo Economico, Davide Crippa, al Ministero dello Sviluppo Economico e al Ministro della Giustizia, rappresentano i capisaldi della tutela del Consumatore.
“Chiediamo più attenzione per i consumatori italiani e un occhio di riguardo alle nomine delle Autorità – conclude il Segretario Nazionale dell’Associazione CODICI Ivano Giacomelli – cercando di garantire più presenza delle rappresentanze dei consumatori e una legge sull’azione di classe che ci possa permettere di difendere realmente i consumatori italiani nei confronti dello strapotere delle multinazionali e delle lobby”.
Continua a leggere

News

Marketing: stop al pop up con il consenso incorporato

Pubblicato

il

Il Garante ha vietato a una società che offre servizi di comparazione sul proprio sito web  (mutui, assicurazioni, luce, gas, telefonia) il trattamento, per finalità di marketing e di vendita ad altre aziende, dei dati raccolti attraverso un pop up senza il necessario consenso degli utenti. L’intervento del Garante ha fatto seguito ad alcune segnalazioni, riguardanti – a seconda dei casi  – comunicazioni promozionali indesiderate ricevute dalla stessa società per telefono o per email, oppure telefonate promozionali indesiderate, su utenze fisse e mobili, effettuate per conto di società dei settori energetico e delle telecomunicazioni. Le verifiche ispettive svolte dall’Autorità, anche con l’ausilio del Nucleo speciale privacy della Guardia di Finanza, hanno accertato che il pop up non permetteva l’accesso ai servizi offerti se l’utente non accettava, con un unico consenso, il trattamento dei dati per diverse finalità (fra le quali il marketing o la comunicazione dei dati a terzi). In caso di compilazione delle caselle di testo, ma di mancata spunta del consenso, infatti, il sito non acquisiva i dati inseriti e non consentiva di procedere con la richiesta. Perciò, anche se l’informativa faceva riferimento alle diverse finalità di trattamento di dati, non si consentiva agli utenti di esprimere, come prevede la normativa, consensi specifici e differenziati. Se la società vorrà ancora utilizzare il pop up per raccogliere i dati a scopo promozionale (o per altre finalità) dovrà  consentire e all’utente di scegliere liberamente se e quali finalità autorizzare. Nel disporre il divieto, il Garante ha ribadito che la raccolta e/o la conservazione di dati personali, effettuate in violazione dell’obbligo del consenso informato, rappresentano un illecito trattamento dei dati a prescindere dal loro ulteriore uso e ha affermato che i dati raccolti con il pop up possono essere utilizzati solo per l’esecuzione delle richieste degli utenti.

L’Autorità ha vietato anche il trattamento  dei dati tratti da elenchi acquisiti da altre aziende e per i quali la società non è stata in grado di dimostrare di avere il consenso libero e specifico per il marketing né quello per la comunicazione ad altri soggetti  per scopi promozionali.

Il Garante, inoltre, ha ordinato alla società di avvisare tutti i soggetti ai quali ha ceduto liste di dati personali che questi non possono essere utilizzati senza aver acquisito il necessario consenso per le proprie attività.

Per le violazioni riscontrate la società ha oblato le sanzioni ammnistrative già contestate dal  Nucleo speciale privacy.

Per contrastare la circolazione di dati “viziati” ed ulteriori possibili trattamenti illeciti, come il telemarketing indesiderato, l’Autorità si è riservata di effettuare accertamenti anche nei confronti dei partner commerciali della società.

Continua a leggere

News

Body cam sui treni: sì del garante privacy, ma nel rispetto di chi è filmato

Pubblicato

il

Una società di trasporto pubblico ferroviario  potrà dotare di body cam (videocamere indossabili) gli addetti alla sicurezza e  i capitreno per contrastare e prevenire aggressioni furti e atti vandalici, in aumento negli ultimi anni. Ma dovrà adottare precise misure a tutela della riservatezza delle persone riprese.

Per dare il suo via libera al progetto sperimentale, il Garante  privacy ha considerato l’impossibilità tecnica di installare telecamere a bordo dei treni di più vecchia costruzione, le specifiche finalità di sicurezza anche dei numerosi utenti del servizio e le finalità di tutela dei beni aziendali. L’Autorità ha però prescritto una serie di cautele e accorgimenti a garanzia di dipendenti e utenti. Le body cam non saranno sempre accese, ma potranno essere attivate dai capitreno o dagli addetti alla sicurezza solo in presenza di un pericolo concreto per le persone o le cose. Un led rosso ne segnalerà l’attivazione.  

I dispositivi trasmetteranno le immagini alla sala operativa in tempo reale. Chi effettua le riprese non potrà modificarle, cancellarle né duplicarle. Solo soggetti diversi, specificamente autorizzati, una volta verificato che le immagini raccolte riguardino fatti realmente pericolosi, potranno disporne l’eventuale estrazione. Questa attività dovrà essere tracciata.

La società, inoltre, dovrà disciplinare le modalità di utilizzo e le specifiche condizioni che legittimano l’attivazione dei dispositivi  e dovrà adottare particolari cautele nel caso in cui le riprese video coinvolgano soggetti “deboli” (testimoni, vittime di reati, minori ecc.) o riprendano luoghi con particolari aspettative di riservatezza (ad esempio le toilette).

Le immagini raccolte, a cui avranno accesso solo i soggetti autorizzati, dovranno essere conservate in forma cifrata ed essere cancellate automaticamente e irreversibilmente una volta decorso il periodo previsto di una settimana, fatte salve eventuali esigenze di indagine e di accertamento dell’Autorità giudiziaria.

La società dovrà disattivare la funzionalità audio, ritenuta non necessaria dalla stessa società, e in caso di comunicazione delle riprese alle compagnie di assicurazione dovrà oscurare le immagini delle persone non coinvolte.

Dovranno essere predisposti inoltre adeguati strumenti di comunicazione anche a bordo delle vetture per avvisare gli utenti della presenza del sistema di videosorveglianza mobile e delle sue caratteristiche.

La società, che dovrà fornire un’idonea informativa ai dipendenti sull’uso delle body cam, si è impegnata a rispettare il divieto di controllo a distanza dei lavoratori e a siglare un apposito accordo con le organizzazioni sindacali.

Continua a leggere