Questo dato dimostra che la politica delle tasse e degli interventi “lacrime e sangue”, attuata dagli ultimi governi non è servita, e non ha prodotto alcun risultato utile sul fronte del debito – afferma il Codacons – Se da un lato le famiglie italiane sono sempre più schiacchiate dalla pressione fiscale, dalla perdita del potere d’acquisto e da una crisi economica che non pare arrestarsi, dall’altra non si è riusciti a dare un drastico taglio alle spese della P.A., nonostante commissari ad hoc e spending review varie.
Per giungere ad una sensibile riduzione del debito è necessario in primo luogo ridurre le spese, specie quelle improduttive, senza strangolare le famiglie, pensando anche alla crescita e alla ricchezza prodotta dal Paese – conclude il Codacons.