“Una follia che produrrà un danno enorme al patrimonio forestale italiano”. Così il Codacons definisce la decisione di dimezzare la flotta aerea dello Stato impegnata quest’anno nella lotta agli incendi.

“Ogni estate l’Italia è messa in ginocchio dagli incendi che si sviluppano lungo tutta la penisola, distruggendo in modo irreversibile boschi e foreste – spiega il Presidente Carlo Rienzi – Solo nel 2012 gli incendi hanno bruciato oltre 46.000 ettari di boschi del nostro paese, addirittura il 20% in più rispetto al 2011. Di fronte a questi numeri il nostro Stato ha pensato bene di dimezzare aerei ed elicotteri da destinare alla lotta ai roghi, una decisione che è una vera e propria follia, e che determinerà un enorme incremento degli ettari che questa estate andranno in fumo, con danni pesantissimi per il paese”.

“I soldi per garantire la salvaguardia del patrimonio forestale italiano e la sicurezza dei cittadini ci sono – prosegue Rienzi – Basterebbe ridurre i compensi dei consiglieri provinciali e regionali, oppure destinare una percentuale minima dei soldi che lo Stato Italiano regala alle banche (basti pensare ai 4 miliardi di euro dati a Mps) al mantenimento e al potenziamento della flotta aerea contro gli incendi”.