Federconsumatori ritiene necessario fare chiarezza sulle croniche carenze e ricorrenti inefficienze organizzative della sanità pubblica. Queste sono spesso causa di ritardi e compromessi che negano il diritto alla salute dei cittadini e accrescono disuguaglianze ed iniquità.

A fronte di liste di attesa sempre più lunghe e inaccettabili da parte dei pazienti, è giusto abolire l’intramoenia penalizzando tutti i cittadini?

Federconsumatori chiede al Presidente Rossi di motivare la sua proposta di abolire tale pratica.

In particolare vorremmo sapere se è stata rilavata una contrazione delle prestazioni pubbliche tale da far pensare a forme di “dirottamento” verso l’attività privata.

Se sì, Federconsumatori chiede che sia fornita e resa pubblica la serie storica dei volumi di entrambe le attività divise per specializzazioni.

Non troviamo giusto che, a causa di alcuni abusi, venga soppressa la possibilità, per tutti, di effettuare visite intramoenia.

Questa vicenda ci porta a chiedere, ancora una volta e con ancora più forza, di risolvere il problema delle liste di attesa interminabili e del costo dei ticket, veri e propri ostacoli all’accesso alle cure.

Chiediamo, in tal senso, al Ministro Lorenzin cosa stia facendo per garantire  il pieno  utilizzo dei servizi  pubblici e per garantire ai cittadini del nostro Paese la promozione, il mantenimento e il recupero  del necessario stato di salute.