• Ad agosto 2016 si registra un peggioramento della fiducia sia tra i consumatori sia tra le imprese: l’indice del clima di fiducia dei consumatori passa da 111,2 di luglio a 109,2 e l’indice composito del clima di fiducia delle imprese  scende da 103,0 a 99,4.
  • Tutte le stime riferite alle componenti del clima di fiducia dei consumatori registrano una flessione, seppure con intensità diverse: il clima economico passa da 129,8 a 125,5, diminuendo per il quinto mese consecutivo; le componenti personale, corrente e futura, dopo l’aumento registrato a luglio, tornano a posizionarsi sui livelli del mese di giugno. Più in dettaglio, il clima personale passa da 105,0 di luglio a 103,6, quello corrente da 109,1 a 107,2 e quello futuro da 114,8 a 112,2.
  • Le opinioni dei consumatori riguardo la situazione economica del Paese si confermano in peggioramento per il quarto mese consecutivo (il saldo dei giudizi passa da -54 a -60 e quello delle aspettative da -9 a ‑15), mentre i giudizi sull’andamento dei prezzi nei passati 12 mesi e le attese per i prossimi 12 mesi registrano un incremento (da ‑31 a -22 e da -30 a -27). Peggiorano le aspettative sulla disoccupazione (da 30 a 35, il saldo).
  • Con riferimento alle imprese, il clima di fiducia scende in tutti i settori: in modo più marcato nei servizi di mercato (da 108,3 a 102,4) e nel commercio al dettaglio (da 101,3 a 97,1), più lieve nella manifattura (da 102,9 a 101,1) e nelle costruzioni (da 126,2 a 123,5).
  • Nelle imprese manifatturiere peggiorano sia i giudizi sugli ordini sia, lievemente, le attese sulla produzione (da -14 a -18 e da 10 a 9, rispettivamente). I giudizi sulle scorte rimangono stabili (il saldo è a quota 3 per il quarto mese consecutivo). Nelle costruzioni peggiorano i giudizi sugli ordini e/o piani di costruzione (da -24 a ‑28) mentre le attese sull’occupazione rimangono stabili (il saldo si attesta a -9 per il terzo mese consecutivo).
  • Nei servizi peggiorano tutte le componenti del clima: diminuiscono i saldi dei giudizi e delle attese sul livello degli ordini (da 7 a 3 e da 8 a 1, rispettivamente) così come il saldo delle attese sull’andamento dell’economia in generale (da 8 a 3). Nel commercio al dettaglio peggiorano sia i giudizi sulle vendite correnti, il cui saldo torna negativo per la prima volta dal mese di gennaio 2016 (il saldo passa da 6 di luglio a -4) sia le attese sulle vendite future (da 21 a 16); il saldo sulle scorte di magazzino passa da 16 a 14.

CLIMA DI FIDUCIA DEI CONSUMATORI
Gennaio 2010-agosto 2016, indici destagionalizzati base 2010=100

 

CLIMA DI FIDUCIA DELLE IMPRESE ITALIANE (IESI)
Gennaio 2010-agosto 2016, indici destagionalizzati base 2010=100

 

CLIMA DI FIDUCIA DELLE IMPRESE PER SETTORE DI  ATTIVITA’ ECONOMICA

Gennaio 2010-agosto 2016, indici destagionalizzati base 2010=100

Prossima diffusione 28 settembre 2016

 

 

La fiducia dei consumatori

Ad agosto l’indice del clima di fiducia dei consumatori, espresso in base 2010=100, diminuisce da 111,2 a 109,2: l’indice esprime il peggioramento diffuso a tutte le componenti del clima.

 

[1] Per una corretta interpretazione dell’andamento dell’indice composito (Iesi) rispetto alle dinamiche settoriali si rimanda alla nota metodologica.

I rilevatori dell’Istat tornano con i piedi per terra. E lo fanno con un pesante tonfo. Registrano, infatti, il calo della fiducia dei consumatori ad agosto, nonché il quinto mese consecutivo di diminuzione relativamente al clima economico.

Dati drammatici, che rivelano una realtà ancora molto lontana dall’ottimismo e dalla ripresa.

Non esistono i presupposti, al momento, perché tale situazione possa cambiare.

Interventi di contrasto alla disoccupazione, misure che tutelino il potere di acquisto delle famiglie, piani di realizzazione e messa in sicurezza delle infrastrutture, investimenti per la ricerca e lo sviluppo: sono questi i veri segnali che farebbero cambiar orientamento al clima di fiducia. Segnali di cui, però, non si vede nemmeno una lontana ombra nei piani del Governo.

È ora di prendere atto di tale situazione e mettere in campo ogni sforzo per far ripartire l’economia e, con essa, dare nuove prospettive al nostro Paese.

È necessario convogliare ogni risorsa, ogni centesimo, ogni sforzo in tale direzione, se necessario anche ricorrendo alla vendita di una parte delle risorse auree.

Il Paese, soprattutto in questo momento, ha bisogno di speranze e di iniziativa. La realizzazione di un serio piano di messa in sicurezza degli edifici, da affidare a imprese competenti e verificate, è il primo passo per dare nuova fiducia ai cittadini che, oggi, si sentono insicuri e abbandonati. C’è bisogno, ora come non mai, di un segnale importante di unità e di volontà di ripresa.