Un paese dove più di 1 cittadino su 2 si dichiara insoddisfatto della propria situazione economica, è un paese che arranca e che non ha fatto abbastanza per sostenere il benessere dei propri abitanti. Lo afferma il Codacons, commentando i dati diffusi oggi dall’Istat.
“Invece di gridare vittoria per la quota di soddisfatti che passa dal 40,1% del 2013 al 43,4% del 2014, occorre rivolgere l’attenzione all’enorme percentuale di insoddisfatti, che rappresentano la maggioranza della popolazione con il 54,6% – afferma il Presidente Carlo Rienzi – Sono ancora incredibilmente troppi i cittadini che versano in difficoltà economiche, e il dato che vede più della metà degli abitanti sfiduciato e scontento della propria condizione, è un dato indegno di un paese civile”.