Nel mese di novembre 2014, le diminuzioni più ampie su base mensile interessano i prezzi dei Trasporti (-1,4%) – su cui incidono sia i cali dei prezzi dei carburanti sia fattori di natura stagionale – e dei Servizi ricettivi e di ristorazione (-1,1%), anche questi ultimi in parte condizionati da fattori stagionali. Un ribasso congiunturale più contenuto si rileva per i prezzi di Ricreazione, spettacoli e cultura (-0,3%). Gli incrementi congiunturali più marcati riguardano i prezzi delle Comunicazioni (+1,1%) e dei Prodotti alimentari e bevande analcoliche (+0,7%). Aumenti su base mensile dello 0,1% si rilevano, inoltre, per i prezzi delle Bevande alcoliche e tabacchi e dell’Abitazione, acqua, elettricità e combustibili. I prezzi delle rimanenti divisioni di spesa restano invariati nei confronti di ottobre 2014.

Rispetto a novembre 2013, i maggiori tassi di crescita si registrano per i prezzi dell’Istruzione (+1,8%), dei Servizi ricettivi e di ristorazione (+1,0%), dei Mobili, articoli e servizi per la casa (+0,6%) e dei Prodotti alimentari e bevande analcoliche (+0,5%); quello più contenuto (+0,1%), si rileva per i prezzi dell’Abitazione, acqua, elettricità e combustibili. I prezzi delle Comunicazioni risultano in flessione (-2,6%) così come quelli dei Trasporti (-0,3%). I prezzi di Bevande alcoliche e tabacchi, Servizi sanitari e spese per la salute e Ricreazione, spettacoli e cultura non variano su base annua.