Mercoledì 26 febbraio, alle ore 10.30, presso l’Aula Magna dell’Istat in via Cesare Balbo 14, viene presentato il secondo Rapporto sulla competitività dei settori produttivi.
Introduce i lavori Antonio Golini, presidente f.f. dell’Istat, mentre Roberto Monducci, capodipartimento delle statistiche economiche, illustra i contenuti tecnici del rapporto. Segue la tavola rotonda “Le imprese italiane dalla crisi alla ripresa” moderata da Paolo Bricco, del Sole 24 Ore, cui partecipano Stefano Manzocchi (Luiss), Alessandra Lanza (Prometeia), Sergio De Nardis (Nomisma), Francesco Zollino (Banca d’Italia), Luca Paolazzi (Confindustria), Emanuele Baldacci (Istat).

Il Rapporto – disponibile come e-book e con contenuti aggiuntivi scaricabili dal sito www.istat.it – fornisce un quadro informativo dettagliato e tempestivo sulla struttura, la performance e la dinamica del sistema produttivo italiano. Per ciascun settore è disponibile una base dati con oltre 70 indicatori in serie storica, completata da dettagli dimensionali e per varie tipologie di impresa, e schede settoriali con indicatori strutturali e di performance, corredati da grafici sugli andamenti più recenti del settore.
Il Rapporto analizza anche argomenti di particolare interesse per la valutazione del posizionamento e della performance delle imprese italiane e dei settori produttivi, individuati di anno in anno sulla base dell’evoluzione dell’economia, del dibattito economico o dell’eventuale adozione di provvedimenti governativi di rilievo nazionale.
Per l’edizione 2014 sono stati realizzati approfondimenti sull’eterogeneità delle performance settoriali e d’impresa, vista la forte divergenza tra l’andamento del fatturato interno e estero nel comparto manifatturiero degli ultimi quattro anni.