Seguici su

News

La Procura apre un’inchiesta sulle buche di Roma. CODICI raccoglie adesioni per costituirsi parte civile

Pubblicato

il

Tutti i cittadini che hanno subìto dei danni possono costituirsi ed aderire alla nostra azione collettiva

 

Dopo due settimane all’insegna del maltempo l’emergenza buche a Roma è più grave che mai. La città è infatti letteralmente paralizzata: imposizione del limite orario a 30 km/h su sempre più strade, autobus costretti a deviare il proprio percorso per non cadere in vere e proprie voragini e, soprattutto, migliaia di cittadini che stanno subendo un disagio inaccettabile.

Non a caso la Procura di Roma ha aperto un’inchiesta sulle condizioni precarie delle strade: nello specifico è stato avviato un fascicolo rubricato a modello 45 (ovvero senza indagati o senza alcuna ipotesi di reato) a seguito di diversi esposti presentati a piazzale Clodio.

L’emergenza riguarda tutta la città: due giorni fa un’automobile è finita dentro una buca totalmente coperta (e quindi nascosta) dall’acqua paralizzando via Ostiense ed in questi giorni il quotidiano La Repubblica ha raccolto decine di foto e segnalazioni di cittadini per presentare un “Giro della Capitale in 80 voragini”. Un’iniziativa che potrebbe addirittura fare sorridere se non stessimo parlando di una crisi reale, che sta generando danni ogni giorno più ingenti.

Danni che possono essere materiali  se non addirittura fisici: se infatti da una parte gli automobilisti più “fortunati” se la cavano con una ruota bucata, dall’altra sono sempre di più i cittadini che si imbattono in una voragine più o meno celata e finiscono direttamente al Pronto Soccorso.

Una situazione che, lo ripetiamo, è assolutamente inaccettabile. Per questo CODICI ha deciso di avviare un’azione collettiva e di raccogliere adesioni per costituirsi parte civile. A noi in questo momento non interessa puntare il dito contro qualcuno: non è il momento per scoprire se ha ragione l’assessore Gatta a prendersela con le amministrazioni precedenti, non è il momento per capire se ci siano state o meno spartizioni illecite di soldi, lavori ed appalti di manutenzione/rifacimento dell’asfalto(purtroppo non sarebbe la prima volta).

In questo momento per noi di CODICI la priorità la hanno le migliaia di cittadini, romani e non, che hanno subìto danni materiali e/o addirittura fisici a causa delle buche di Roma.

 

Per aderire alla nostra azione collettiva e costituirvi parte civile nel procedimento cliccate qui

 

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

News

Festeggia 40anni ROTOPRINT, l’azienda italiana che ha inventato la stampa eco-sostenibile |950mila km di imballaggi salvati

Pubblicato

il

Con gli imballaggi salvati dal macero e rimessi a nuovo dalla Rotoprint negli ultimi quarant’anni, ci si potrebbe fare il giro del mondo quasi 25 volte. 950mila chilometri di materiale sono stati infatti recuperati, dal 1978 a oggi, grazie al sistema inventato da Giancarlo Arici per modificare i packaging sbagliati o obsoleti con la sovrastampa con macchine a rotocalco. Anche questo festeggia l’azienda di Lainate (MI) ora che si appresta a spegnere le 40 candeline: «Milioni di euro risparmiati ogni anno per le aziende che si rivolgono a noi per recuperare imballaggi che altrimenti dovrebbero buttare, e un’enorme quantità di CO2 in meno nell’atmosfera, perché riciclando si evita di produrre nuovo materiale» sottolinea con orgoglio Giovanni Luca Arici, figlio del fondatore e CEO della società, che conta una quindicina di dipendenti e ha clienti in tutta Italia e in numerosi paesi esteri.

 

Al giorno d’oggi non stupisce che Rotoprint abbia ricevuto negli anni numerosi premi legati alla sostenibilità ambientale. Fra questi il WorldStar Packaging Award 2015 – il premio mondiale più importante del settore, assegnato dalla World Packaging Organisation – e l’ultimo importante riconoscimento in ordine di tempo, l’inserimento nel rapporto 100 Italian circular economy stories di Enel-Symbola, accanto a nomi del calibro di Eataly, Fondazione Cariplo, Intesa San Paolo, Legambiente. «Però, quando quarant’anni fa inventammo il nostro sistema per sovrastampare con precisione millimetrica, la sensibilità ecologica era molto diversa – fa notare Giovanni Luca Arici –. Mio padre, stampatore, ricevette da un cliente la richiesta per modificare un incarto già stampato, per la precisione gli ingredienti su una confezione di ravioli. A quel tempo non c’era la tecnologia per fare un lavoro del genere: mio padre ne intuì la portata e la creò».

Così, con giorni e notti di lavoro e di studio, Giancarlo Arici fece nascere, dalle normali macchine per la stampa rotocalco, il suo sistema brevettato per correggere errori di stampa, aggiornare grafiche, inserire aggiunte sugli imballaggi già stampati. «Rotoprint aveva capito che il concetto di recupero rappresentava il futuro e i clienti ci hanno subito premiati – commenta Arici –. Ci siamo ritagliati un mercato di nicchia in cui facciamo qualcosa di unico in Italia. La nostra è una piccola impresa e ogni ordine è seguito con cura artigianale e in modo personalizzato. Allo stesso tempo, ci siamo dati una prospettiva industriale, perché siamo in grado di gestire grandi ordini e presidiamo i mercati di Francia, Benelux, Spagna e Portogallo».

 

Non solo. Pur potendo contare su una tecnologia unica nel suo genere, Rotoprint non smette di innovare. Per esempio in cantiere c’è anche la sovrastampa in flexo, una sistema che rende convenienti anche gli ordinativi di piccole quantità di materiale sovrastampato. E poi, come sempre, c’è l’aspetto del rispetto dell’ambiente: «È in gestazione un progetto per l’uso nella sovrastampa dei colori ad acquaulteriore garanzia di ecosostenibilità – annuncia il CEO di Rotoprint –. Ci sono voluti tanto studio e tanta ricerca, perché usare questi colori nella sovrastampa è una sfida tecnica non da poco. Ma crediamo sia importante percorrere la strada dell’innovazione e della sostenibilità ambientale per portare ai nostri clienti un ulteriore valore aggiunto».

Continua a leggere

News

Industri, a luglio crolla il fatturato -2,3 %

Pubblicato

il

Il pesante calo del fatturato e degli ordini nell’industria italiana rispecchia la crisi del commercio che sta attanagliando negli ultimi mesi il nostro paese. Lo afferma il Codacons, commentando i dati forniti oggi dall’Istat.

“Le vendite in caduta libera e il flop dei saldi hanno avuto effetti diretti sull’industria italiana, che a luglio registra un calo del fatturato del -1% e degli ordinativi del -2,3% – spiega il presidente Carlo Rienzi – Non a caso i numeri dell’Istat segnano per i beni di consumo un decremento del -0,7% su base annua, a dimostrazione che i consumi ancora stagnanti si riflettono sull’intera economia e sul comparto industriale”.

“Una situazione che rischia di peggiorare se il Governo disporrà le chiusure domenicali dei negozi, perché gli acquisti delle famiglie si sposteranno progressivamente dai negozi tradizionali ai big stranieri dell’e-commerce con effetti diretti su produzione, fatturato e ordinativi dell’industria italiana, e se aumenterà l’Iva nel 2019, perché un eventuale incremento dei listini taglierà i consumi interni” – conclude Rienzi.

Continua a leggere

News

Bollette: arriva il comparatore pubblico per le offerte| www.ilportaleofferte.it

Pubblicato

il

Dopo le offerte Placet, integrati i contratti del precedente comparatore,
ora non più consultabile
Milano, 18 settembre 2018 – Al via la seconda fase del ‘Portale Offerte’, il sito dell’ARERA,
gestito da Acquirente Unico, pubblico e indipendente, che dallo scorso luglio permette a famiglie e
piccole imprese di confrontare e scegliere in modo semplice e chiaro le offerte di luce e gas. Come
previsto, prosegue infatti il suo sviluppo per fasi successive: dopo che al suo avvio sono state
inserite le offerte Placet (i contratti standard di facile confrontabilità), sono ora presenti anche le
proposte del mercato libero che già erano state inserite volontariamente nel ‘Trova Offerte’, il
precedente strumento di comparazione dell’Autorità, attivo dal 2009. Il vecchio sito di confronto
viene quindi chiuso e non sarà più consultabile. Con l’ultima tappa dello sviluppo, prevista entro la
fine dell’anno, saranno progressivamente inserite le altre offerte esistenti sul mercato libero.
Cittadini e imprese possono quindi comparare oltre 2000 proposte tra elettricità e gas, scegliendo tra
offerte a prezzo fisso e variabile di mercato. Infine, come definito, in questa seconda fase sarà
visibile anche la spesa annuale personalizzata per la maggiore tutela elettrica e tutela gas.
Il Portale Offerte è raggiungibile all’indirizzo www.ilportaleofferte.it.

Continua a leggere