Roma, 15 gennaio 2015 – “La responsabilità ce la prendiamo noi” recitava lo spot della Smart, la macchina biposto prodotta dalla Mercedes. Si trattava di una offerta che la casa automobilistica tedesca aveva promosso in grande stile in tutta Italia: all’acquisto della piccola auto era possibile usufruire anche della assicurazione pagata dal produttore. In soldoni, 2.500 euro di contributo RCA al momento della firma.

Che pacchia! Avranno pensato i tanti automobilisti che vedevano lo spot. Tuttavia si trattava di pratica commerciale scorretta, così come ha segnalato l’Associazione CODICI nel marzo 2014 e così come ha confermato anche l’Antitrust.

Il garante per la concorrenza nel mercato ha infatti concluso l’iter del procedimento e ha inflitto alla Mercedes Benz una multa salata di 200 mila euro.

In verità la casa non offriva il pagamento della polizza assicurativa per il veicolo ma solo uno sconto di 2.500 euro sul prezzo di listino. Tuttavia il claim della campagna era chiaro, accompagnato addirittura dal bollino RC auto e dalla garanzia che l’offerta fosse estesa anche ai neopatentati.

“La nostra associazione – commenta Ivano Giacomelli, Segretaria Nazionale CODICI – è soddisfatta per la decisione dell’Antitrust. Si tratta di una vittoria per i consumatori visto che l’offerta della Smart era palesemente scorretta