L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha aperto un’istruttoria nei confronti della società Unilever Italia Mkt. Operations s.r.l. per verificare se abbia posto in essere condotte abusive nel mercato dei gelati industriali, cosiddetti “da impulso”, cioè monodose e a consumo immediato. Per ricostruire correttamente i fatti e accertare queste ipotesi, i funzionari dell’Antitrust hanno eseguito oggi una serie di ispezioni nella sede principale della società a Roma, e presso alcuni concessionari di zona, coadiuvati dai militari del Nucleo speciale Tutela Mercati della Guardia di Finanza.

Avviata in base alla segnalazione di un piccolo operatore che produce “ghiaccioli”, l’istruttoria dell’Antitrust tende in particolare ad accertare se Unilever ha adottato un sistema contrattuale che prevede esclusive, sconti e compensi in grado di fidelizzare i punti vendita, così da ostacolare l’accesso dei concorrenti nel mercato.

Con un fatturato consolidato di 1.405 milioni di euro in Italia (2013) e la titolarità del marchio “Algida”, tradizionalmente presente sul mercato e sostenuto da massicce attività promozionali e pubblicitarie, Unilever detiene la leadership nel mercato del gelato industriale “da impulso”.  

Il procedimento dovrà concludersi entro il 3 giugno 2016.

Il relativo provvedimento è disponibile sul sito dell’Agcm http://www.agcm.it/

Roma, 11 giugno 2015