Costi Chilometrici: l’app lanciata da ACI, Automobile Club D’Italia, che ti permette di stimare con puntualità il costo d’uso dell’auto per gli spostamenti compiuti.
A chi serve l’app?
Aiuta tutti i lavoratori dipendenti che per lavoro si recano frequentemente presso i clienti in auto, così, nel momento in cui devono ottenere dal datore di lavoro il rimborso dei viaggi possono calcolare l’importo sulla base del costo degli spostamenti rilevati dall’app; interessa, inoltre, anche ai datori di lavoro che, scaricando l’app, hanno uno strumento rapido per stabilire in modo affidabile i rimborsi da erogare ai propri collaboratori.
Naturalmente l’app può essere usata da tutti anche come semplice strumento di controllo delle spese che si sostengono a fronte di spostamenti in auto.
Come funziona?
La si può scaricare gratuitamente da iPhone, iPod e iPad.
E’ un’app intuitiva che in apertura richiede poche ma necessarie informazioni riguardo al veicolo di cui vogliamo monitorare i costi: ci invita a scegliere tra auto e fuoristrada/SUV, poi, entrando più nel dettaglio, è necessario inserire la casa automobilistica, il tipo di alimentazione (gasolio, elettrica…) e il modello della nostra vettura.

E’ bene rassicurare gli utenti che l’archivio di modelli auto su cui si basa l’app è molto vasto per cui è difficile che si corra il rischio che non funzioni con la propria auto.
L’app mosterà dei numeri, cosa vogliono comunicare?
La spesa relativa agli spostamenti percorsi in auto, ovvero i costi proporzionali in euro per chilometro, IVA inclusa, calcolati considerando il tipo di modello, marca, alimentazione del veicolo che l’app chiede di inserire non appena è stata scaricata.
L’affidabilità dei dati è garantita, infatti, il calcolo del consumo avviene sulla base di dati aggiornati e controllati mensilmente da Direzione Studi e Ricerche di Automobile Club D’Italia e, per quanto riguarda il prezzo del carburante, si fa riferimento ai prezzi aggiornati settimanalmente, comunicati dal Ministero dei Trasporti e registrati sul sito dell’ACI.
Cosa ne pensa chi l’ha già scaricata?
Come ogni app, ci sono pareri discordanti. Chi ne è entusiasta premia la user friendliness, la velocità con cui l’automobilista ottiene esattamente il risultato di calcolo atteso. E’ sufficiente inserire le informazioni principali sul veicolo per ricevere la spesa relativa ad ogni spostamento. Altro punto a suo favore è l’affidabilità, vantando come fonte dei dati la Direzione Studi e Ricerche di Automobile Club D’Italia. Non mancano le critiche. C’è chi non ritiene sufficiente il calcolo del costo per chilometro sulla base di parametri come casa automobilistica, carburante, modello dei veicolo, perché vorrebbe più personalizzazione del servizio.
Ad esempio, avrebbero preferito che fosse inclusa tra i costi fissi l’assicurazione auto.
Per completare il panorama delle app che si offrono come strumento di tenuta della ‘contabilità auto’ ricordiamo anche iVehicles, Gas Manager, focalizzate però solo sul consumo di carburante. Altre, invece, aiutano nella manutenzione dell’auto ricordando le scadenze come bollo e controlli tecnici, tra le quali ricordiamo l’app myCarCare.
Fonte: assicurazioneauto.it

20140508-164057.jpg