Seguici su

News

Le auto elettriche sono già più economiche di quelle a benzina o diesel

Pubblicato

il

Fonte: visionari.org

Su quattro anni, le auto elettriche pure costano meno dei veicoli a benzina o diesel nel Regno Unito, negli Stati Uniti e in Giappone, ma la Cina è destinata a guidare il mercato.

Le auto elettriche sono già meno costose da possedere e gestire rispetto alle auto a benzina o diesel nel Regno Unito, Stati Uniti e Giappone, come mostrano nuove ricerche dell’Università di Leeds.

Il costo più basso è un fattore chiave che spinge il rapido aumento delle attuali vendite di auto elettriche, dicono i ricercatori. Al momento il costo è in parte dovuto al sostegno pubblico, ma si prevede che le auto elettriche diventeranno l’opzione più economica, anche senza sovvenzioni, in pochi anni.

I ricercatori hanno analizzato il costo totale di proprietà delle automobili su un arco di quattro anni, compresi il prezzo di acquisto, l’ammortamento, il carburante, le assicurazioni, la tassazione e la manutenzione. Sono rimasti sorpresi di scoprire che le auto elettriche pure sono risultate più economiche in tutti i mercati esaminati: Regno Unito, Giappone, Texas e California.

Le auto elettriche pure hanno costi di carburante molto più bassi — l’elettricità è meno costosa della benzina o del gasolio — e i costi di manutenzione, in quanto i motori sono più semplici e aiutano a frenare l’auto, risparmiando sulle pastiglie dei freni. Nel Regno Unito, il costo annuo è stato di circa il 10% inferiore a quello delle autovetture a benzina o diesel nel 2015, l’ultimo anno analizzato.

Gli autoveicoli ibridi, che non possono essere collegati alla rete elettrica e che attraggono sovvenzioni inferiori, erano di solito un po’ più costosi di auto a benzina o diesel. Si è riscontrato che gli ibridi collegabili erano significativamente più costosi — gli acquirenti stanno effettivamente pagando due motori in una sola auto, hanno detto i ricercatori. L’eccezione in questo caso è stata il Giappone, dove gli ibridi plug-in ricevono sovvenzioni più elevate.

“Siamo stati sorpresi e incoraggiati perché, mentre scaliamo la produzione, i veicoli elettrici[puri] stanno per diventare più economici e ci aspettiamo che scendano anche i costi della batteria,” ha dichiarato James Tate, che ha condotto la ricerca pubblicata sulla rivista Applied Energy con Kate Palmer e colleghi dell’ Università di Leeds, Regno Unito. “È una buona notizia.”

Le auto elettriche pure ricevono un sussidio di vendita di circa 5.000 sterline nel Regno Unito e in Giappone e di 6.500 sterline negli Stati Uniti. “Le sovvenzioni sono ragionevolmente alte al momento, ma ci si aspetta che prima o poi verranno eliminate,” ha dichiarato Tate. Egli stima che un’auto elettrica come la Nissan Leaf diventerà più economica da possedere e gestire al pari di un’auto a benzina senza sovvenzioni entro il 2025. Renault si aspetta che ciò accada già all’inizio del 2020.

La spinta all’introduzione di automobili elettriche, che producono minori emissioni di carbonio responsabili del riscaldamento climatico è stata sovralimentata dalle preoccupazioni per l’inquinamento atmosferico, in particolare delle automobili diesel. Nel Regno Unito, dove l’aria tossica è a livelli illegali nella maggior parte delle aree urbane, le vendite di veicoli diesel sono crollate del 30% nell’ ultimo anno, mentre le vendite di veicoli elettrici sono salite del 37%.

Secondo l’analisi di Matt Finch, analista presso l’Energy and Climate Intelligence Unit nel Regno Unito, le vendite di automobili elettriche potrebbero superare quelle diesel già nel maggio 2019: “Questa data è incredibile, poiché stiamo parlando di soli 18 mesi,” ha dichiarato Tate.

“La sfida sarà slla capacità produttiva. La domanda supera notevolmente l’offerta.”

Viktor Irle, analista di EV-Volumes.com, ha detto che ci sono ora buone opzioni di auto elettriche a basso costo, come la Nissan Leaf, e ad alto costo, come il modello Tesla S, ma non nella gamma media, dove di solito si torvano le auto famigliari. “Non ci sono buone opzioni al momento,” ha detto. “Credo che le case automobilistiche tradizionali abbiano un po’ paura di cannibalizzare le vendite delle loro auto convenzionali, che sono i bestseller.”

Preoccupazioni per l’inquinamento atmosferico sono particolarmente gravi in Cina, che è oggi il più grande mercato per le auto elettriche e in rapida crescita, principalmente guidati da produttori nazionali tra cui BYDGeely Beijing Auto. “La Cina si sta imponendo e sarà leader di quel mercato,” ha detto Tate. “L’industria automobilistica europea e statunitense stavano schiacciando un sonnellino mentre ciò stava iniziando ad accadere.”

Tuttavia, Steve Gooding, direttore della Fondazione RAC, ha detto che il mercato britannico dell’auto elettrica è rimasto al momento piccolo: “Ci sono 32 milioni di automobili nel Regno Unito — solo circa 120.000 sono ultra-pulite[elettriche]. Il juggernaut benzina e diesel cederà il passo.”

Egli ha anche avvertito che i governi potrebbero in futuro iniziare a tassare i veicoli elettrici per recuperare le grandi somme perse dalla caduta dell’imposta sul carburante. “E il costo[di proprietà] non è tutto,” ha dichiarato.

“Praticità e usabilità sono fondamentali. Abbiamo bisogno di una rete pubblica di ricarica che sia ampia, affidabile e che offra ricarica alle velocità richieste dai proprietari di auto “.

Il 22 novembre il governo ha annunciato un finanziamento di 200 milioni di sterline per l’ infrastruttura di ricarica, che dovrà essere garantito dall’industria. Il Ministro dei Trasporti inglese Jesse Norman ha dichiarato: “Il Regno Unito dispone ora di oltre 11.500 punti di ricarica accessibili al pubblico, tra cui oltre 900 punti di ricarica rapida. Si tratta di una delle reti rapide più grandi d’Europa.”

Tate ha detto un aspetto che deve anche affrontare è l’equità sociale, dato che persone più ricche possono permettersi il costo di un veicolo elettrico e di solito hanno un parcheggio distaccato dalla propria casa che rende la ricarica più comoda.

Le auto elettriche pure più vendute nel Regno Unito

Nissan Leaf — 22.250 unità vendute
Il Leaf a quattro porte parte da 21.500 sterline — dopo il sussidio governativo di 4.500 sterline — ed ha un raggio reale di circa 100 miglia.

BMW i3–8.800 unità vendute
La i3 parte da 28.840 sterline, con una distanza di 125 miglia, o oltre 200 miglia con un estensore di portata supplementare.

Tesla Modello S — 6.283 unità vendute
A partire da £65.000, e fa 0–60 mph in 4,2 secondi, con una gamma reale di circa 250 miglia

Renault Zoe — 6.227 unità vendute
La Zoe parte da £14.250, ma il noleggio obbligatorio di batterie è di 49 sterline al mese. La gamma è di circa 70 miglia in tempo freddo, 100 in caldo

Nissan e-NV200–2.742 unità vendute
Questo furgone parte da poco più di £ 20.000, compresi sovvenzione e IVA, e la portata è di circa 70 miglia

Fonte dei dati: Vendite cumulate a ottobre 2017, EV-volumi.com


Tradotto in Italiano. Articolo originale: The Guardian


VISIONARI è un network di imprenditori, scienziati, artisti, scrittori e changemakers che pensano e agiscono al di fuori degli schemi.
Puoi fare domanda per entrare qui: https://bit.ly/visionari-entra

Seguici sulla nostra pagina Facebook per scoprire nuovi progetti innovativi:
VISIONARI

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

News

Bonus bollette, la maggioranza ritira gli emendamenti sull’automatismo – L’appello ai presidenti delle Camere

Pubblicato

il

Rendere automatico il bonus sociale luce gas e acqua non comporta oneri per il bilancio dello Stato, mentre sosterrebbe in maniera concreta i 6 milioni di italiani in povertà assoluta.

Appello di Adiconsum a Governo e Parlamento
per l’introduzione del bonus automatico nella Legge di bilancio 

5 dicembre 2018 – I dati sulla povertà nel nostro Paese sono allarmanti: la povertà assoluta riguarda quasi 6 milioni di cittadini, con un 30% della popolazione a rischio esclusione sociale, di cui il 12,1%, cioè 1 milione e 208 mila, sono minori. Non passano inosservati anche i dati sulla povertà energetica, con il 16,1% della popolazione che non può permettersi di riscaldare adeguatamente la propria abitazione.

Non possiamo rimanere indifferenti ed inermi di fronte a questi dati – dichiara Carlo De Masi, Presidente di Adiconsum nazionale – Più volte abbiamo denunciato la farraginosità, la scarsa conoscenza e l’insufficiente estensione dell’unica misura di sostegno a favore dei poveri energetici, il bonus sociale luce  e gas.

Ecco perché – continua De Masi – abbiamo inviato una lettera ai presidenti di Camera e Senato e al Ministro dell’Economia, chiedendo il loro autorevole intervento per l’introduzione nel DEF delle misure necessarie a rendere automatico il bonus sociale per luce, gas e acqua.

Un automatismo – conclude De Masi – che non peserebbe sulle casse dello Stato, in quanto i bonus sono prevalentemente a carico degli utenti di luce, gas e idrico e non gravano sulla fiscalità generale. Ci auguriamo che il nostro appello venga accolto.

 
Continua a leggere

News

Salta il taglio dell’iva sui pannolini. Protesta il CODACONS

Pubblicato

il

 

Ancora una marcia indietro da parte del Governo che danneggia i cittadini in special modo le fasce più deboli della popolazione. Lo afferma il Codacons, commentando lo stop al taglio dell’Iva per pannolini e assorbenti, con la commissione Bilancio della Camera che ha bocciato un emendamento a prima firma Francesco Boccia (Pd) che portava l’aliquota dell’Iva al 5% per “latte in polvere e liquido per neonati, prodotti alimentari per l’infanzia, pannolini, assorbenti”.

“Si tratta di una promessa non mantenuta, e di un grave dietrofront su un provvedimento che avrebbe realmente sostenuto milioni di famiglie, aiutando i ceti meno abbienti – spiega il presidente Carlo Rienzi – La manovra del Governo appare oramai sempre più schizofrenica: regala fondi a pioggia per scuole musicali, accademie, apicoltura o archivi storici, abbassa l’Iva su Spa, centri benessere e massaggi al 10%, ma dimentica di aiutare chi ha davvero bisogno di aiuto e di sostenere gli enti meritevoli di tutela. Ed è gravissimo che dopo le promesse fatte da governo e opposizione non si sia ancora approvato l’emendamento per esonerare dal contributo unificato le associazioni che svolgono attività sociale e che attraverso le loro cause difendono i diritti di milioni di cittadini”.

Per tale motivo il Codacons, dopo la lettera inviata al Presidente della Repubblica, rivolge oggi un appello ai Senatori di tutti gli schieramenti politici, affinché intervengano per ridare equità alla manovra e sanare le discriminazioni a danno dei cittadini deboli e delle Onlus, e non approvino misure prive della necessaria copertura finanziaria.

Continua a leggere

News

Spesa al mercato: come risparmiare e fare buoni affari

Pubblicato

il

ADICONSUM AVVERTE

L’acquisto di frutta e verdura ha un certo peso sull’economia familiare: secondo i dati Istat, nel corso del 2017, gli italiani hanno speso mensilmente circa 63 euro di frutta e 43 di verdura.

In realtà, parte di quello che paghiamo per questi prodotti non viene neanche utilizzato: stiamo parlando di tutti quei package (buste, confezioni e altro) che, oltre a inquinare l’ambiente, finiscono per pesare significativamente sul prezzo finale del prodotto.

Tra l’altro, i package ci vincolano a dover comprare quantitativi specifici, con il rischio che parte del prodotto si rovini o vada definitivamente a male.

Una possibile soluzione? Comprare prodotti sfusi al mercato! Anche in questo caso, però, è necessario prestare attenzione e conoscere qualche trucco per fare buoni affari.

 

Consigli per gli acquisti

Per tagliare i costi, e sufficiente seguire poche regole:

  • Compra prodotti di stagione
  • Ricorda che più la filiera di trasporto è breve, più i costi ambientali e materiali diminuiscono; per questo è preferibile scegliere banchi che indichino il luogo di produzione
  • Compra frutta e verdura con meno scarto possibile (meno si butta, meglio è!)
  • È preferibile rivolgersi a un coltivatore affiliato a una grande organizzazione
  • Presentati a ridosso dell’orario di chiusura per trovare offerte last minute
  • Compra quello che ti serve nelle giuste quantità
  • Con delle buone materie prime puoi realizzare prodotti casalinghi (marmellate, salamoie, etc.), assicurati, però, di rispettare le norme igieniche.

 

Come riconoscere un buon prodotto

  • Cerca etichette che indichino la provenienza del prodotto
  • I colori di frutta e verdura devono essere vivi
  • Ricorda di lavare bene frutta e verdura: al mercato c’è spesso la cattiva abitudine di toccarla senza usare i guanti
  • Se compri prodotti in salamoia sfusi, assicurati che siano completamente sommersi dal liquido.
Continua a leggere