Pietro Giordano, Adiconsum:La revisione della Bolkestein deve ristabilire il diritto delle famiglie italiane ad esercitare il loro diritto all’accesso alle spiagge.

Basta con il monopolio dei balneari e con costi per una giornata al mare
pari a quelli di un hotel a 4 stelle!

Sì a soluzioni condivise che tengano conto dei diritti delle famiglie e degli interessi dei balneari e ad Osservatori di monitoraggio e vigilanza con i Consumatori

L’apertura della Ue in merito ad una revisione della direttiva Bolkestein non significa che bisogna continuare lo status quo in vigore nel nostro Paese che contempla concessioni ventennali assegnate ai balneari – dichiara Pietro Giordano, Presidente nazionale di Adiconsum – La gestione delle spiagge del nostro Paese con tale sistema ha di fatto prodotto un monopolio delle imprese balneari su un bene quale la spiaggia che è invece un bene comune di tutti, a danno delle famiglie.

Il monopolio dei balneari deve finire – continua Giordano – Le concessioni devono essere assegnate sulla base di gare trasparenti e concorrenziali e devono avere una durata di 4 anni, rinnovabile al massimo per altri 4.

Adiconsum ritiene che si debbano trovare soluzioni compatibili non solo con gli interessi delle imprese balneari, ma soprattutto dei consumatori e delle famiglie, – prosegue Giordano -che per anni si sono viste depredate del loro diritto all’accesso alle spiagge, con costi per un giorno di mare pari a un soggiorno in un hotel a 4 stelle.

Perché le spiagge tornino ad essere bene comune di tutti – conclude Giordano – è necessario che venga istituito un Osservatorio di monitoraggio e di vigilanza che preveda la partecipazione anche delle Associazioni Consumatori.