Dopo la black list dei prodotti contaminati diffusa oggi da Coldiretti, il Codacons si rivolge alle autorità italiane con un esposto al Ministero della Salute e ai Carabinieri dei Nas, in cui si chiede di effettuare controlli a tappeto su tutto il territorio.

“La denuncia lanciata da Coldiretti sui cibi più contaminati prodotti all’estero e diffusi sul OLIVEmercato europeo è particolarmente allarmante perché investe, oltre al settore agricolo, quello della salute e della sicurezza alimentare – afferma il Presidente Carlo Rienzi – Le sostanze chimiche vietate contenute negli alimenti che arrivano da Cina, India, Vietnam e altri paesi, mettono infatti in serio pericolo la salute dei cittadini che consumano tali prodotti, utenti del tutto inconsapevoli della provenienza del cibo e dei rischi cui vanno incontro. Per tale motivo abbiamo deciso di presentare un esposto al Ministero della salute e ai Nas, affinché accertino quali di questi cibi entrino in Italia e quali prodotti trasformati utilizzino materie prime inserite nella black list diffusa da Coldiretti, procedendo al sequestro degli alimenti pericolosi” – conclude Rienzi.