Durissimo il Codacons contro la clausola di salvaguardia alla Legge di Stabilità che prevede la possibilità, a partire dal 2016, di aumentare l’Iva e le accise sulla benzina.
“Ci opporremo con tutti i mezzi ad un ennesimo incremento delle accise e ad un eventuale aumento dell’Iva – afferma il presidente Carlo Rienzi – E’ inaccettabile che il Governo, in un momento in cui i consumi sono ai minimi storici, possa anche solo pensare ad una crescita delle aliquote e delle accise, che produrrebbe un generalizzato aumento dei prezzi e delle tariffe in tutti i settori e un ulteriore decremento dei consumi”.
Già i precedenti aumenti dell’Iva del 2011 e del 2013 – ricorda il Codacons – hanno prodotto maggiori spese pari a 499 euro a famiglia su base annua. “Con questa clausola di salvaguardia il Governo dimostra di voler dare con una mano e togliere con l’altra, esattamente come hanno fatto i precedenti governi, che giocano il “jolly” delle accise sulla benzina e dell’Iva quando non sanno più dove andare a prendere i soldi agli italiani” – conclude Rienzi.