Così ci è stato insegnato, in ossequio alla separazione dei poteri.
Possiamo farne a meno oggi? Probabilmente sì, ma solo abolendole entrambe: il magistrato, assumendosene la responsabilità in prima persona, potrà far arrestare il parlamentare. E il parlamentare, se ingiustamente arrestato, potrà rivalersi sul magistrato colpevole.
Entrambi avrebbero la consapevolezza di dover rispondere pienamente di ogni loro azione.