“Abbiamo avuto dimostrazione di come l’evoluzione della tecnologia abbia effetti diretti sugli esami di maturità, con le soluzioni delle prove spesso pubblicate sul web poco dopo la diffusione delle tracce, e facilmente consultabili dagli studenti attraverso i telefoni cellulari – spiega il presidente Carlo Rienzi – Per tale motivo il Ministero deve prendere provvedimenti atti a garantire la regolarità delle prove e la parità di condizioni per gli studenti. In tal senso l’unica soluzione possibile è schermare le aule scolastiche, in modo da impedire l’utilizzo dei cellulari e rendere vana qualsiasi pubblicazione sul web delle soluzioni o altri servizi online resi da siti specializzati” – conclude Rienzi