Oggi in audizione alla Camera le Associazioni dei Consumatori sul disegno di legge C.3792 recante disposizioni a tutela dei consumatori in materia di fatturazione a conguaglio

Il Governo e AEEGSI negli ultimi due anni hanno temporeggiato

Oggi alle ore 13, presso la Commissione X Attività Produttive della Camera, si è tenuta l’audizione delle Associazioni dei consumatori sul disegno di legge C.3792 recante disposizioni a tutela dei consumatori in materia di fatturazione a conguaglio per l’erogazione di energia elettrica, gas e servizi idrici.

Martedì 12 Settembre 2017 ore 11:00| EmbedMostra linkCOMMISSIONE ATTIVITÀ PRODUTTIVE – Tutela dei consumatori, audizioni di associazioni

La Commissione Attività produttive, nell’ambito dell’esame della proposta di legge C. 3792 Baldelli, disposizioni a tutela dei consumatori in materia di fatturazione a conguaglio per l’erogazione di energia elettrica, gas e servizi idrici, ha svolto le audizioni:
alle ore 11       rappresentanti di Anigas-Associazione Nazionale Industriali Gas;
alle ore 11.30  rappresentanti di Utilitalia;
alle ore 12       rappresentanti di Elettricità Futura;
alle ore 13.10  rappresentanti delle associazioni consumatori (dal minuto 2.13.00 di questo video)

Era ottobre 2015 quando il Governo si impegnò, su mandato del Parlamento, a risolvere il problema delle maxi bollette, ovvero quei conguagli fatti spesso sulla base di consumi stimati e non effettivi, che arrivano in fattura al consumatore facendogli venire un colpo. Parliamo di bollette da svariate migliaia di euro, oltre che per i privati cittadini, anche per le piccole e medie imprese che si sono ritrovate a dover chiudere perché mandate a gambe all’aria da maxi conguagli non sostenibili.

Nel mercato tutelato di energia e gas, la soluzione possibile è la rateizzazione dell’importo, pensiamo cosa succederà poi a partire dal 2019, quando esisterà solo il mercato libero dell’energia e questa possibilità non sarà più praticabile automaticamente.

In questo lasso di tempo non è stato fatto niente: si sono avvicendati due ministri, due sottosegretari ma il problema rimane.

Le sanzioni comminate dall’Antitrust sono inutili per colossi come le aziende energetiche, che non si lasciano certo scoraggiare da multe che possono arrivare ad un massimo di 5 milioni di euro.

Codici pertanto chiede: il divieto assoluto di fatturazione stimata  ed una sensibile riduzione della tariffa a carico degli utenti che effettuano l’autolettura.

I distributori di energia e gas infatti, nonché i gestori del servizio idrico, che gestiscono la misura e detengono il dato di consumo, sono inottemperanti, facendo ricadere il costo di questa inadempienza sulle spalle degli utenti che pagano in bolletta per un servizio di lettura che non viene effettuato ed attraverso i conguagli sulla base di stime.

Oggi abbiamo chiesto al Parlamento di legiferare in maniera definitiva affinchè:

·    la stima sia solo un’eccezione e comunque per un periodo che non può superare i due anni;

·    abrogare il concetto di “tentativo di lettura”, soprattutto in presenza di contatori teleletti;

·    legittimare l’autolettura attraverso l’accesso dei consumatori o di loro delegati al Sistema Informativo integrato presso Acquirente Unico;

·    prevedere per gli utenti la restituzione entro 30 giorni del denaro indebitamente sborsato maggiorato degli interessi legali;

·    eliminare la quota lettura in capo ai distributori che non hanno effettuato tale attività;

Lo #SNAEG (Scudo Nazionale Antitruffe Energia e Gas, fondato da Codici, in vista dell’abolizione del mercato tutelato) è sempre operativo.

Invitiamo tutti i consumatori ad usufruire del sistema integrato a  loro disposizione ed interamente gratuito che si compone di: numero verde dedicato: 800.912760, saremo inoltre come sempre a disposizione attraverso i reclami online ai seguenti link:

http://codici.org/energia.html

http://codici.org/gas.html

I nostri sportelli #SNAEG

–              Sede Milano

Via Bezzecca,3 Milano

Tel 02-36503438 Fax 02-92878437

Orario: dal Lunedì al Venerdì dalle ore 9:00 alle 13:00 dalle 14:00 alle ore 18:00

mail: sportello.lombardia@codici.org

–          Sede Nazionale e Lazio Roma

Via Giuseppe Belluzzo 1, Roma 00149

Tel: 06.5571996 – Fax: 06.55308791

Orario: dal Lunedì al Venerdì dalle ore 9:00 alle 13:00 dalle 14:00 alle ore 17:00

mail: segreteria.sportello@codici.org

–          Sede Catania

Via Caronda, 14, Catania

Telefono: 3202281052 Fax: 0952180387

Orario: dal Lunedì al Giovedì dalle ore 16.00 alle ore 20.00 e il Venerdì dalle 9 alle 13

segreteria.sicilia@codici.org