Codici si costituirà parte civile

 

Il Dott. Norberto Confalonieri, famoso chirurgo ortopedico milanese, primario, direttore di struttura complessa di Ortopedia e Traumatologia del Centro Specialistico Ortopedico Traumatologico Gaetano Pini – CTO, si trova agli arresti domiciliari per corruzione e truffa.

Secondo l’accusa, avrebbe sponsorizzato l’acquisto di protesi e in cambio avrebbe ottenuto soldi e inviti a convegni e programmi tv per i suoi rapporti con dipendenti delle aziende Johnson & Johnson e B. Braun.

L’Associazione Codici si costituirà parte civile per due motivi ben precisi: in primo luogo perché venivano sponsorizzate delle protesi piuttosto che delle altre da acquistare, chissà se anche a dei prezzi maggiorati, e quindi saremmo nel bel mezzo di una truffa che avrà sicuramente fruttato un giro di denaro che vorremmo sapere a quanto ammonta. In secondo luogo, dal punto di vista sanitario nel senso stretto del termine, in quanto potrebbero essere state messe in circolazione protesi di scarsa qualità o quantomeno dubbia.

Il danno arrecato al Sistema Sanitario Nazionale da questi comportamenti va quantificato economicamente, ed i responsabili costretti a risarcire, ma soprattutto perseguiti. Basta usufruire del sistema sanitario come mezzo di arricchimento personale – afferma il Segretario Nazionale di Codici – Ivano Giacomelli.

Radiazione immediata dall’Ordine dei medici per Norberto Confalonieri. A chiederla il Codacons, dopo le intercettazioni in cui il primario dell’ospedale Gaetano Pini afferma di aver rotto il femore ad una anziana per “allenarsi”.

Siamo di fronte ad un episodio gravissimo, un comportamento squallido e immorale che va contro i principi basilari della medicina, e verso il quale l’Ordine dei medici non può rimanere in complice silenzio – spiega l’associazione – Il Codacons si costituirà parte offesa nel procedimento aperto a Milano, chiedendo un risarcimento nei confronti di Confalonieri per gli ingenti danni arrecati alla collettività. Non solo. L’associazione invita tutti i pazienti del primario a valutare attraverso il Codacons le dovute azioni risarcitorie da intraprendere nei confronti del medico, in relazione ad  interventi che hanno prodotti danni e lesioni fisiche. La magistratura, infatti, ha in corso ulteriori attività investigative al fine di definire eventuali responsabilità del chirurgo in relazione ad alcuni interventi conclusi con danni fisici per i pazienti.

Tutti i soggetti operati da Confalonieri e che hanno riscontrato problemi fisici, possono inviare una mail all’associazione all’indirizzo info@codacons.it