Anche quest’anno alla finale di Miss Italia che si terrà domani a Jesolo parteciperà il Codacons, attraverso il suo sportello anti-stalking avviato in collaborazione con il concorso di bellezza.

Una iniziativa fortemente voluta da Patrizia Mirigliani e dall’organizzazione dell’evento, con lo scopo di aiutare le donne a combattere gli atti di violenza fisica e psicologica e denunciare molestie, aggressioni e vessazioni di ogni tipo.

Dalla nascita del progetto nel 2014 a fine 2016 lo Sportello ha raccolto in totale 1.272 richieste di aiuto da parte di donne e ragazze vittime di episodi di violenza: di queste il 75% riguarda atti persecutori (minacce, telefonate moleste, pedinamenti, ecc.) mentre il 25% veri e propri casi di violenze fisiche. Dalle segnalazioni giunte sono scaturite 83 denunce penali da parte degli avvocati Codacons contro gli autori di molestie o aggressioni. La maggior parte delle richieste d’aiuto arriva dal centro e dal nord Italia, mentre da chi risiede al Sud emergono ancora oggi difficoltà nel denunciare abusi.

Lo “Sportello Stalking” del Codacons è mirato ad incrementare la conoscenza del fenomeno degli atti persecutori, con tutte le problematiche ad esso connesse e delle varie tutele che si possono attivare per difendersi. In particolare, il Codacons offre gratuitamente consulenze legali e psicologiche per aiutare le vittime a liberarsi dal terrore e dall’ansia che troppo spesso si manifestano in coloro che vengono fatti oggetto di condotte persecutorie.

L’Associazione ha istituito anche un indirizzo email dedicato (sportello.stalking@codacons.info) al quale inviare le domande relative alla materia trattata, domande alle quali provvederà a rispondere un pool di legali specializzati, e ha attivato anche un numero verde dedicato (tel. 800199641, attivo tutti i lunedì-mercoledì-venerdì dalle ore 15,00 alle ore 19,00) attraverso il quale le vittime di stalking potranno parlare con un legale specializzato per avere un primo orientamento legale urgente.

Una iniziativa amplificata dal concorso di Miss Italia, che ha scelto di scendere in campo contro la violenza sulle donne dando spazio allo sportello nel corso dell’intera manifestazione in giro per l’Italia.