La diminuzione della fiducia dei consumatori a novembre registrata dall’Istat è per il Codacons solo “l’antipasto di Natale”.
“L’indice in discesa avrà inevitabili ripercussioni sulle spese a breve termine delle famiglie – spiega il Presidente Carlo Rienzi – In assenza di fiducia sul futuro del paese e sulla propria situazione economica, infatti, i cittadini contrarranno i consumi e rimanderanno gli acquisti non indispensabili. Il dato registrato dall’Istat conferma quindi la propensione al risparmio degli italiani durante le prossime festività natalizie, che saranno caratterizzate da un generalizzato calo delle vendite del -5% e da un giro d’affari che passa dai 10,3 miliardi di euro del 2013 ai 9,8 miliardi del 2014” – conclude Rienzi.