Se anche tu hai avuto problemi contatta la segreteria nazionale dell’Associazione

Sono numerosi i cittadini che si stanno rivolgendo a Codici lamentando problemi con la loro vettura: sembrerebbe che la Nissan Qashqai 1600 faccia registrare molto spesso problematiche inerenti l’impianto gpl. Di cosa si tratta? Per rispondere è sufficiente fare un giro su internet per accorgersi dell’alto numero di testimonianze lasciate da consumatori arrabbiati su forum e blog.
Sembrerebbe che l’installazione dell’impianto gpl, infatti, crei importanti danni al motore della vettura. Tra le problematiche di varia natura vengono indicati generici problemi di carburazione e la recessione delle sedi delle valvole. Ma la cosa sconvolgente è che sembrerebbe che la vettura non sia proprio adatta all’impianto gpl. La conferma di ciò viene dall’ammissione di una nota ditta di installazione di impianti, secondo la quale l’impianto GPL per la trasformazione dell’autovettura NISSAN QASHQAI 1600 sarebbe addirittura sconsigliato in quanto “potrebbero insorgere problematiche di varia natura e anche di difficile attribuzione”.

All’oscuro di tutto, i consumatori per anni hanno acquistato l’auto con l’impianto gpl, a volte consigliati in maniera errata da venditori inesperti o, comunque, pensando di effettuare una scelta oculata. Ma, evidentemente, la scelta è stata completamente sbagliata, visto che gli automobilisti hanno dovuto far fronte a danni economici ingenti, che arrivano anche a 1.600 euro.
Ma se tali danni sono causati da caratteristiche proprie della vettura, perché devono pagare i consumatori che non hanno responsabilità?

“Sono moltissimi i consumatori che lamentano problematiche del genere e che si sentono trattati ingiustamente – commenta Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale del Codici – Se le vetture non sono compatibili con gli impianti gpl tali impianti non devono essere installati e i consumatori devono saperlo, non pagare le conseguenze di scelte sbagliate. Per questo Codici ha avviato un’azione di risarcimento danni ed invita tutti i cittadini che hanno vissuto simili problematiche a contattare l’associazione per il rimborso delle somme erogate per le riparazioni”.

Per informazioni in merito è possibile contattare la segreteria nazionale dell’Associazione al numero 0655301808 e all’indirizzo segreteria_nazionale@codici.org.