Sono numerosi infatti i consumatori che si sono rivolti a Codici lamentando problemi inerenti l’impianto gpl. Sembrerebbe che l’installazione dell’impianto gpl crei importanti danni al motore della vettura. Tra le problematiche di varia natura vengono indicati generici problemi di carburazione e la recessione delle sedi delle valvole. Ma la cosa più grave è che sembrerebbe che la vettura non sia proprio adatta all’impianto gpl. La conferma di ciò viene dall’ammissione di una nota ditta di installazione di impianti, secondo la quale l’impianto GPL per la trasformazione dell’autovettura NISSAN QASHQAI 1600 sarebbe addirittura sconsigliato in quanto “potrebbero insorgere problematiche di varia natura e anche di difficile attribuzione”.

I consumatori hanno dovuto spesso far fronte a riparazioni anche molto costose (fino a 1.600 euro), completamente a proprie spese. Ma se tali danni sono causati da caratteristiche specifiche della vettura, si sono chiesti in molti, perché devono pagare i proprietari delle autovetture?
Sono queste le motivazioni che hanno spinto recentemente l’Associazione ad avviare un’azione di risarcimento danni (per informazioni in merito è possibile contattare la Segreteria Nazionale all’indirizzo segreteria_nazionale@codici.org).

“Siamo fiduciosi – continua Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale del Codici – Oggi accogliamo con piacere la disponibilità della Nissan a valutare le questioni riguardanti la Qashqai 1600 e siamo pronti al dialogo”.