Seguici su

News

Nuova emergenza “Spread”: banche e finanziarie temono, ma a rischio sono ancora i risparmi delle famiglie.

Pubblicato

il

 

 

  dell’Avv. Francesco Luongo – Presidente Nazionale del Movimento Difesa del Cittadino

 

Ci risiamo! Il segnale: “Ok panico!” si è di nuovo illuminato in tutti i principali media nazionali in cui è un unico: “allarme! Spread, Agenzie di rating, Commissione Europea, BCE”. Un film già visto nel 2011, quando il differenziale tra il tasso di interesse tra BTP e Bund tedeschi giunse a toccare i 575 punti. Come da copione anche la “letterina”, stavolta della Commissione e non della BCE, con il severo monito di Bruxelles contro il 2,4% di “deficit” previsto dal Governo Conte ritenuto comunque eccessivo rispetto al tetto di Maastricht è del 3%, su un debito pubblico che ammonta a 2.302miliardi di euro. Ma proprio mentre un cupo terrore di perdere casa e averi viene generosamente elargito agli italiani a reti unificate, ecco che, leggendo il puntuale declassamento dei titoli di stato a Baa3 da Baa2 da parte di  Moody’s, viene fuori la colpa fondamentale del Belpaese e dei suoi abitanti, ovvero che: le famiglie italiane hanno elevati livelli di risparmio, un paracolpi importante sui futuri shock e anche un’importante potenziale fonte di finanziamento per lo Stato. Non ci soffermeremo sul patteggiamento di Moody’s del gennaio 2017 per 864 milioni di dollari con il Dipartimento di Giustizia USA o sui 1,37 miliardi di dollari a carico di Standard & Poor’s, colpevoli di aver falsato il rating dei mutui ipotecari tossici che portarono alla crisi del 2008. E’, invece, il risparmio degli italiani, tra i cittadini meno indebitati dell’Europa occidentale, a rappresentare la vera ossessione per la finanza internazionale e per la burocrazia economica dell’UE e di alcuni Paesi “amici”. Un enorme salvadanaio di sacrifici e buonsenso nazionale, che ammontava nel 2017 a ben 4.290,5 miliardi di euro, di cui 883,7 in contanti sui conti correnti. Senza parlare degli immobili delle famiglie proprietarie, secondo l’ISTAT, del 92% del patrimonio residenziale complessivo tra abitazioni private e seconde case per altri 4.632.126 miliardi di euro. Soldi veri e mattone, ben diversi dai 453mila miliardi di euro di titoli “derivati” scambiati nella sola Unione Europea in questa bolla finanziaria senza precedenti nella storia del pianeta. E’ in questa dicotomia tra debito pubblico, giunto ormai al 131,2% del PIL (oltre il doppio del 60% stabilito dall’Unione da perseguire con il Pareggio di bilancio ormai in Costituzione) e ricchezza privata degli italiani che vanno ricercate e comprese le ragioni ultime del pluriennale contrasto politico tra agenzie ed istituzioni finanziarie internazionali ed il nostro Paese, riesploso con un nuovo Governo, reo di voler fare “deficit” e non alzare IVA, tasse e perché no una bella patrimoniale. La domanda finale a questo punto è: chi detiene il nostro debito pubblico e perché c’è tanta preoccupazione e voglia di continuare con una austerity in cui l’Italia non cresce? I piccoli risparmiatori ed imprese ne posseggono solo il 5% per circa 132 miliardi (escludendo quello detenuto indirettamente nelle gestioni), banche e Fondi il 26%, mentre il 16% è in mano a Banca d’Italia e  BCE ed ,infine, gli investitori esteri ne possiedono il 35% (738miliardi) ridottisi al 31.2% negli ultimi mesi. In questi numeri e nei rispettivi interessi la chiave di volta per comprendere questa nuova emergenza spread e perché, anche stavolta, le famiglie rischiano di farne le spese.

 

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

News

Povertà energetica – il video integrale di “Prima la casa” l’evento Adiconsum/CanaleEnergia del 16 luglio

Pubblicato

il

Continua a leggere

News

Autorità indipendenti: no alle logiche di spartizione politica

Pubblicato

il

Comunicato stampa Federconsumatori

Indipendenza, competenza e professionalità sono i criteri con cui si devono nominare i vertici di AGCOM e Garante Privacy.

È passato un mese dal nostro ultimo appello, in cui esprimevamo forte preoccupazione per le nomine dei presidenti delle autorità indipendenti Agcom e Garante della Privacy. Abbiamo sottolineato la necessità e l’urgenza di affidare questi compiti a Commissari competenti in materia e completamente indipendenti da ogni logica politica.

Si tratta, infatti, di due authorities che svolgono oggi un ruolo chiave in un’era in cui il settore della comunicazione è soggetto a forti minacce e richiede, come non mai, che siano garantiti i principi di responsabilità, trasparenza, sicurezza, imparzialità e rispetto per la privacy. La tutela della sicurezza dei dati personali è una questione di primaria importanza in un’epoca in cui tali dati sono divenuti letteralmente oggetto di mercato.

Affidare tali compiti secondo un disegno di mera spartizione delle nomine, che nulla ha a che vedere con i meriti e le competenze, potrà determinare un gravissimo danno per il Paese, in termini di sicurezza, di tutela e di sviluppo.

Per tutelare al meglio i diritti e gli interessi dei cittadini ed il Paese è indispensabile che chi compone le autorità indipendenti rispetti i requisiti di autorevolezza, professionalità, competenza, autonomia e indipendenza. Gli unici in grado di assicurare l’elevato grado di trasparenza e credibilità di cui queste Autorità hanno sempre goduto.

Barattare l’equilibrio del Governo con l’assegnazione di cariche così delicate e importanti sarebbe da irresponsabili.

Per questo rinnoviamo il nostro appello affinché le nomine siano improntate esclusivamente alla competenza, alla professionalità e alla trasparenza, per istituire un sistema di vigilanza e controllo realmente libero da qualsiasi condizionamento politico o di altra natura.

Continua a leggere

News

La nostra economia è basata sulla scarsità e ci sta deludendo. Ecco perché il “modello di abbondanza” è ciò di cui abbiamo bisogno.

Pubblicato

il

Di Bibop Gresta – Chairman & Co-Founder at Hyperloop Transportation Technologies

Fonte: Linkedin

La maggior parte del mondo non pensa all’economia come un sistema creato dall’uomo.

Pensiamo ad esso come pensiamo alla natura: era qui “prima” di noi e sarà qui “dopo” di noi. È troppo grande da immaginare, troppo complessa da capire – e di conseguenza, consapevolmente o meno, l’adoriamo con fede divina. 

Ironicamente, l’economia è il riflesso della natura. 

Nelle società cacciatore-raccoglitori, “l’economia” era giusta ed equilibrata. Non c’era nessuna gerarchia, nessuna concorrenza. Era un ambiente cooperativo – e come un albero cadeva, uno nuovo sorgeva al suo posto, e così via.

Tuttavia, osservando la storia, le società cacciatore-raccoglitori si sono sviluppate soltanto dove c’era abbondanza di risorse, solitamente vicino ad una foresta o in una zona climaticamente mite. È nel deserto che abbiamo sviluppato una gerarchia – un ambiente più del tipo “sopravvivenza del più forte”. In questo tipo di economia, la scarsità dominava, fino al punto che (lentamente, con il tempo) questo modello è diventato il “normale” approccio alla vita — anche in posti con abbondanza. Forte contro debole. Vincitore contro perdente. Coloro che “hanno” e coloro che “non hanno.”

Scorrendo velocemente il tempo, quello a cui siamo finiti oggi è una quantità molto limitata di persone che controllano il 95% delle risorse del pianeta, mentre il resto del mondo sta morendo di fame.

Nel 2019, stiamo attualmente producendo cibo per 10 miliardi di persone – tuttavia siamo un mondo di sette miliardi e mezzo di persone, due miliardi dei quali muoiono di fame.

Qui non si tratta di politica. E non si tratta di raccogliere fondi per le iniziative “going green.”

“Sostenibilità”, nel vero senso della parola, sta nel capire i difetti della nostra attuale struttura economica, e il modo in cui, un modello costruito intorno alla scarsità, non porta ad una società sostenibile.

E vi spiegherò come — con una piccola storia chiamata “L’isola delle 10 palme”.

C’è un’isola con dieci persone e dieci palme.

L’economia che abbiamo creato per noi afferma un principio fondamentale: se ognuna delle persone dell’isola ha il potere di sostentarsi (cibo, acqua, ecc.), per definizione, non c’è economia. Se provo a vendere i frutti di una palma a qualcun altro, nessuno li comprerà perché gli altri hanno gli stessi frutti e sono sani e autosufficienti.

Ora immaginate che un uragano o un tornado colpisca l’isola e spazzi via 4 dei 10 alberi.

All’improvviso, si crea un’economia.

Le quattro persone che non hanno più palme per sostentarsi saranno improvvisamente interessate a comprare i frutti dagli altri sei che producono regolarmente frutta.

Pertanto, la teoria economica di Smith e Kerns direbbe: in questa situazione, se una delle sei persone che ha ancora un albero comincia a mettere un prezzo piu’ alto ai suoi frutti, poi qualcun altro abbasserà il prezzo al fine di competere per il cliente—e si avrà sempre un mercato che si auto-compensa.

Questa è domanda-offerta nella sua forma più basilare.

Purtroppo, è stato dimostrato che questa teoria è falsa perché la persona con la palma inizierà a volere sempre più potere. Lui/lei capirà le regole e le dinamiche dell’offerta e della domanda, e troverà il modo per far sì che gli altri con le palme non competano. Lui/lei potrebbe iniziare a comprare le altre palme in modo da poter dominare – o, immaginate che arrivi un altro tornado e distrugga le altre cinque palme. Ciò significa che l’individuo con l’ultima palma rimanente non solo controlla il prezzo, ma essenzialmente controlla l’intero approvvigionamento alimentare. Lui/lei diventa il sovrano dell’isola, in grado di decidere chi vive, chi muore, e ogni cosa che accade sull’isola.

Questo è ciò che succede quando si costruisce un modello economico attorno alla scarsità.

Adesso, vediamo come potrebbe essere l’opposto della scarsità.

Se si progettano le cose basandole sull’abbondanza, non solo si creano le condizioni per prosperare, ma si possono anche creare le premesse per un pianeta completamente nuovo basato su presupposti diversi – opposti a quelli esistenti sull’isola della scarsità. Solo che non dovete “consumare”, non dovete “produrre.” Non avete neanche il problema del lavoro, per esempio. Secondo uno studio di Oxford, il 47% dei posti di lavoro in tutto il mondo scomparirà nei prossimi 25 anni – e questi posti di lavoro non torneranno. Saranno sostituiti da computer e robot, e va bene cosi’. Evviva! Perché questo ci offre l’opportunità di poter garantire i diritti di base a tutti e di lottare per fare ciò che facciamo meglio: spendere l’80% del nostro tempo in creare e far progredire l’umanita’ e il 20% del nostro tempo eventualmente a lavorare.

Se fossimo in grado di ottimizzare e di costruire un modello economico attorno all’abbondanza invece che alla scarsità, sbarazzandoci del “lavoro” definitivamente, sarebbe ancora meglio.

Questo è estremamente importante nel modo in cui ci stiamo avvicinando e stiamo costruendo Hyperloop. 

L’abbondanza opposta alla scarsità è un pilastro fondamentale dei nostri criteri di progettazione. L’obiettivo qui non è quello di creare una società che fa tonnellate di denaro — anche se è l’ovvia conseguenza. La missione finale è un invito all’azione a livello planetario per costruire un sistema che apra la strada e costruisca l’infrastruttura per un’economia di nuova generazione. Non deve essere “Come possiamo arrivare da Los Angeles a San Francisco in meno di un’ora in modo che possa prendere più riunioni, lavorare di più, produrre di più, consumare di più,” ecc. 

Per riequilibrare veramente la nostra economia, dobbiamo attaccare il problema alla radice. E questo significa ridisegnare l’interazione umana da zero.

Mi rendo conto di dover sembrare un pazzo, fuori di testa, e va bene cosi’. Oggi stiamo appena scoprendo il percorso per arrivare a un modello di “abbondanza”. Al Forum mondiale dell’economia (World Economic Forum), 50 delle migliori compagnie del mondo ci prestano attenzione – desiderano tutti gli stessi risultati, ma partendo da punti di vista diversi. Ogni giorno possiamo vedere, passo dopo passo, un percorso sempre più chiaro davanti a noi.

Questo è un momento molto importante nella storia per l’umanità, e sta a noi unire e re-immaginare il mondo come lo conosciamo.

To read the English version of this piece, click here.

Continua a leggere