Seguici su

News

Nuova truffa energia segnalata a CODICI: attenzione alle chiamate per presunto conto di “Optima Energia”

Pubblicato

il

 

In attesa di capire se l’azienda sia colpevole o vittima di atteggiamenti scorretti, vi invitiamo a non fornire MAI dati sensibili per telefono

CODICI ben sa che le aziende saranno sempre più agguerrite nell’accaparrarsi nuovi clienti, ma non ci stancheremo mai di dire di stare attenti e segnalare, come nei casi che vi riporteremo, telefonate o porta a porta molesti che palesemente vogliono indurvi a concludere contratti a distanza, estorcendo i vostri dati personali o di utenza.

Ci sono pervenute segnalazioni in merito ad un call center con un numero di Viterbo (prefisso 0761.17**701), ma con operatori palesemente di nazionalità straniera, che per conto dell’azienda “Optima Energia”, asseriscono di restituire la somma di 40€ pagata in più con il proprio operatore. Intanto l’assurdità di questa affermazione è palese: come possono asserire, in primo luogo che un consumatore di cui non sanno nulla ha speso di più? In secondo luogo, rispetto a cosa? Parlano di generici aumenti che a loro risultano esserci stati per tanti consumatori, assolutamente insensato.

A questo punto chiedono di avere davanti la propria bolletta e di comunicare il codice POD ( codice alfanumerico nazionale di 14 caratteri che identifica univocamente il punto fisico in cui l’energia elettrica viene consegnata al cliente finale) ed infine l’IBAN per poter riaccreditare i 40€ che affermano siano stati pagati in più, sulla base del niente. Ovviamente CODICI vi invita caldamente a non fare niente di tutto questo.

La persona che contatta i malcapitati cittadini non essendo italiana non è chiaramente comprensibile, ed è molto veloce nel porre le domande, praticamente a raffica, palesemente lette da un copione, senza mai ascoltare le domande poste dal cittadino. Ma alla fine di questa telefonata viene chiesto in maniera chiara: “Signora lei allora vuole passare con noi e riavere i 40€ che ha pagato in più, SÌ o NO?”. Sappiate che, quando viene posta questa domanda e viene richiesto in modo chiaro di scandire il “SÌ”, questo “SÌ” verrà registrato ed utilizzato per giustificarsi contro qualsiasi azione scorretta e truffaldina nei vostri confronti.

Altri cittadini si sono rivolti a noi lamentando di essere stati contattati da un’azienda che compara offerte luce e gas, affermando di essere stato il cittadino ad aver richiesto di essere contattato. Quando poi è stato richiesto di fornire la e-mail o il contatto da cui sarebbe partita la richiesta, il numero di telefono reale viene associato a delle email che non stanno né in cielo né in terra e che non appartengono alla stessa persona contattata; il numero che chiama in questo caso ha il prefisso 0321 (Novara).

Dunque un paio di cose da segnalare affinché i consumatori si auto tutelino prima di arrivare a noi di CODICI:

1) Non fornite mai il vostro codice di utenza POD, né tantomeno il vostro IBAN bancario. Se per quest’ultimo magari siete più prudenti ed accorti, sappiate che anche il POD è un dato sensibile che non dovete dare in giro.

2) Quando riuscite a rilevare il numero di telefono da cui vi chiamano perché appare in chiaro, iscrivetevi immediatamente al Registro delle Opposizioni che ora tutela anche i numeri di cellulare e fissi non presenti negli elenchi telefonici pubblici. Questo lo segnaliamo ad ulteriore garanzia e tutela del consumatore dal telemarketing aggressivo.

Inoltre, come CODICI invitiamo l’azienda per conto della quale chiamano, ovvero in questo caso l’Optima energia, a comunicarci tempestivamente, se sono a conoscenza o meno di questo tipo di telefonate da parte dei call center con cui collaborano, oppure se si tratta di farabutti che utilizzano ed operano in nome della azienda summenzionata, in quanto operatore presente sul mercato, per operare in modo illecito e scorretto.

Per segnalazioni rivolgetevi al nostro sportello allo 06.5571996 o inviate una email a segreteria.sportello@codici.org. Sul tema inoltre non perdetevi la puntata di domani 15 marzo su “Mi Manda Raitre”, dove proprio sul tema interverrà Luigi Gabriele, il nostro esperto energia.

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

News

Modem libero, successo dell’evento di MDC

Pubblicato

il

Modem Libero: Grande successo per il II Workshop Nazionale sulla Net Neutrality organizzato ieri pomeriggio a Milano dal Movimento Difesa del Cittadino

Cittadini, professionisti, operatori del settore, giornalisti e comunicatori, hanno partecipato al Workshop nazionale di Modem Libero, tenutosi ieri pomeriggio a Milano ed organizzato dal Movimento Difesa del Cittadino, nell’ambito della campagna avviata all’interno della Free Modem Alliance.

Un importante momento di condivisione, un confronto aperto e costruttivo sulla Net Neutrality, sull’importanza del riconoscimento dei nostri diritti, sulla consapevolezza di come internet e le nuove tecnologie possano essere al servizio di tutta la collettività, incondizionatamente.

Un momento di crescita e consapevolezza, di ricognizione e informazione. L’opportunità offerta agli intervenuti di conoscere il senso profondo della norma europea, che in Italia viene sistematicamente violata; l’UE ha stabilito la libertà di scelta dei dispositivi e dei modem, imponendo una maggiore trasparenza nei confronti dei consumatori, intimando  agli operatori  la necessità di fornire notizie sulla libertà di scelta da parte degli utenti, circa il costo e l’acquisto, che potrà essere fatto non necessariamente tramite la compagnia telefonica.

Prezioso il contributo offerto dai relatori, tra i maggiori esperti del settore e membri della Free Modem Alliance, che in un abbraccio sinergico con il pubblico hanno messo a disposizione il proprio sapere ed ascoltato le sollecitazioni giunte dalla sala.

Sono intervenuti l’Avv. Francesco Luongo (Presidente Nazionale MDC) , la Dott.ssa Lucia Moreschi (Coordinatrice Regionale MDC Lombardia), Ivan Catalano (Esperto della rete già Deputato nella XVII legislatura), Gabriele Matteo Fiorentini (Giurista e responsabile coordinamento della Free Modem Alliance), Kostas Papadopulos (Allnet Italia) Giovanni Zorzoni (Consigliere Associazione Italiana Internet Provider -AIIP).

<<E’ stata una grande occasione di incontro e confronto, scambio e condivisione. Tutti insieme abbiamo cercato di fornire gli strumenti per difenderci, per combattere abusi ed imposizioni, per garantire e difendere i principi di libertà e trasparenza – spiega Francesco Luongo, Presidente Nazionale di MDC –  Grazie alla preziosa partecipazione degli esperti della Free Modem Alliance e di tutti i cittadini ed operatori del settore e professionisti della comunicazione intervenuti, si è costruito un bellissimo brainstorming che ha prodotto un risultato straordinario, in termini di informazione, sensibilizzazione e progettualità>>.

 

 

Continua a leggere

News

L’energia diventerà Moneta. Lo dice il futurista Federico Pistono

Pubblicato

il

 

 

Se vuoi sapere di più di questi temi, partecipa allo SHAPING VISIONARI del 18 e 19 giugno a Roma. Ultimi posti disponibili, per registrarsi usa questo Link e se vuoi essere ospite con sconto di Luigi Gabriele usa il codice promozionale con abbattimento del 70%  già inserito nel link .

Ci vediamo a Roma.

 

 

 

Continua a leggere

News

Benzina, sfonda la soglia di 2 euro a litro

Pubblicato

il

Il prezzo della benzina ha sfondato in Italia la soglia psicologica dei 2 euro al litro. Lo denuncia il Codacons, che segnala il rialzo dei listini dei carburanti con effetti enormi sui prezzi al dettaglio in tutti i settori.

“Sull’Autostrada del Brennero i distributori hanno adeguato i listini alla pompa con prezzi che raggiungono 2,08 euro al litro per la benzina – spiega il presidente Carlo Rienzi – I rincari però si registrano da settimane in tutta Italia, al punto che il nostro paese ha raggiunto il secondo posto in Europa per il prezzo del gasolio, secondi solo alla Svezia. Una situazione che impatta in modo pesante sulle famiglie, con rincari a cascata dei prezzi al dettaglio in tutti i settori, come certificato dagli ultimi dati Istat sull’inflazione”.

“Il Governo aveva promesso un intervento sulle accise che gravano sui carburanti, ma finora nessun provvedimento al riguardo è stato annunciato – prosegue Rienzi – Salvini e Di Maio devono intervenire con urgenza perché rincari e speculazioni sui carburanti determinano conseguenze negative sull’intera economia nazionale. Basti pensare che senza il peso delle tasse, l’Italia crolla dal secondo al 17° posto in Europa per il caro-gasolio”.

Continua a leggere