Cambia, come ogni anno, il paniere dell’Istat per l’inflazione. Entrano la sigaretta elettronica, il caffè in cialde, l’edizione digitale dei quotidiani, i sacchetti ecologici per rifiuti organici, il formaggio grattugiato in confezione.
Per il Codacons si tratta di entrate corrette, che tengono conto dei nuovi consumi e delle nuove tendenze. Sono noti, ad esempio, i dati Ads sul crollo delle vendite di quotidiani su carta a vantaggio di quelli digitali.
Quello che invece non convince sono le uscite. Escono infatti dal paniere le spese per la riparazione del televisore o del computer, che semmai sono diventate sempre più onerose con i nuovi e più tecnologici televisori. Fuori anche il tailleur, sostituito dall’abito donna (pezzo unico), scelta che sfugge alla comprensione.
In ogni caso per l’associazione di consumatori quello che conta veramente e che non va sono i pesi sballati rispetto alla spesa reale dei cittadini. Un fatto ben più grave rispetto a nuove entrate o uscite, cose più di colore che di sostanza. I pesi sballati, infatti, possono falsare il calcolo del’inflazione per tutto l’anno, con ripercussioni sulla rivalutazione di pensioni e stipendi e sulla perdita del potere d’acquisto delle famiglie.
Il Codacons, in particolare, contesta che sia aumentato il peso dei “Servizi ricettivi e di ristorazione” (decollano, ad esempio, le “Consumazioni di prodotti di gastronomia”, aumentate di 4 volte) o di “Ricreazione, spettacoli e cultura” e che siano invece diminuite le spese per “Abitazione, acqua ed elettricità…”.
All’interno delle singole voci, poi, ha dell’incredibile la solita discesa del peso delle “Assicurazioni sui mezzi di trasporto” (da 1,1313% a 1,084%) o quella di “Pedaggi e parchimetri” (da 0,8299% a 0,7873%), a fronte di un aumento generalizzato dei costi dei parcheggi e dei pedaggi che più che compensano la riduzione degli spostamenti.