di Anna Zollo

I  prodotti e i produttori Made in Italy, sono stati nei giorni scorsi messi sotto accusa, non direttamente, ma indirettamente   a seguito dell’articolo uscito sul  New York Times da titolo Extra Virgin Suicidethe adulteration of italian olive oil ha messo in dubbio la qualità dell’olio Italiano, affermando, senza citare dati e fonti che l’olio extravergine italiano fosse  “tagliato” e quindi adulterato con l’olio spagnolo e  tunisino.

La copertina prendeva spunto dal libro   di Tom Mueller    “La verità nell’olio di oliva”,    ( che ha subito preso le distanze). Nel Libro Mueller faceva una disamina sull’olio extravergine, uno dei prodotti di punta dell’export Italiano, che vede come mercato di riferimento proprio gli Stati Uniti.

Per fare un po’ di chiarezza e verificare cosa ne pensano i diversi attori sociali che operano nel mercato e seguendo le linee editoriali di  frodialimentari.it, è stata realizzata  una intervista a più voci per sviscerare il fenomeno.

Da premettere, l’Italia non è nuova a tali attacchi, ed è vero che suddetti fenomeni di adulterazione del prodotto olio sono stati già portati alla ribalta da parte delle forze di polizia, secondo  Amedeo De Franceschi ( vice comandante dei NAF del Corpo Forestale e colui il quale ha per la prima volta ha attenzionato le procure sui traffici illegali di olio )  , “fino a qualche anno fa il problema era molto sentito e  molti erano le tecniche per tagliare l’olio non buono proveniente dall’estero quali ad esempio la deodorazione mild. Pratica non illegale, ma ciò che è  fraudolento è spacciare l’olio modificato come olio extravergine di oliva”.

Quindi  quello che si imputa la NYT è la scarsa precisione nell’esporre i fatti.

Per Paolo Russo ( ex presidente della Commissione Agricoltura della Camera,  che nelle scorse legislature ha dato un forte  impulso alla normativa per una maggiore tutela del prodotto made in)   “il NYT ha sollevato un problema e non possiamo sottovalutarlo. Non mi indigno per quello che scritto. La stampa è libera. E’ un suo problema sé chi ha disegnato e forse ha anche scritto “sotto dettatura” di qualche interesse. Il problema delle regole di trasparenza esiste, in questo settore, non riguarda l’Italia. Se la legge salva olio, che la Commissione da me presieduta nella scorsa legislatura fosse stata applicata anche negli USA, il NYT non avrebbe potuto scrivere quelle cose in questo modo. Da noi le leggi ci sono, da loro invece, diciamo c’è un po’ più di libertà di circolazione delle merci e questo non li autorizza a dire certe cose.” Idee condivise anche da Piero Gonnelli presidente dell’AIFO  (associazione frantoiani oleari italiani) che afferma “  Si tratta di un fumetto mal articolato che sembra coinvolgere tutto il sistema italiano dell’olio di oliva ma, nella realtà,  certe pratiche fraudolente sono attribuibili solo a pochi che operano in maniera fraudolente”  E’ necessario che cose del genere non si ripetano, perché come afferma Agostino Macrì  (UNC) “le esternazioni del New York Times gettano discredito sull’olio di oliva italiano, ma vanno a colpire indirettamente l’immagine di tutte le produzioni made in Italy.” Dello stesso avviso  Vincenzo Pepe ( presidente del Movimento FAREAMBIENTE) che rincara la dose affermando   “ Le politiche denigratorie nei confronti del Made in Italy portano ad incidere su tutto il sistema non solo economico ma anche agricolo ed ambientale. L’agricoltura infatti rappresenta uno degli ultimi baluardi di presidio di un territorio.

Vien quindi da chiedersi   ci sono i presupposti per una richiesta di risarcimento del danno?   Abbiamo quindi chiesto a  Valeria Graziussi (CODACONS), se c’erano questi   ci ha confermato che vi potrebbero essere delle perplessità in merito, ma afferma che è fondamentale che la stampa in genere e il NYT nello specifico,  “ , prima di diffondere dei dati e delle immagini del genere,   dovrebbe adeguatamente documentarsi e fornire statistiche ed evidenze di ciò che afferma. L’articolo, seppure volessimo ammettere un fondo di realtá, diffondendo il logo descritto sopra, dá piu l’idea di slogan pubblicitario negativo che di un articolo scientifico

 L’intera intervista sarà in edicola con il Numero 9 di FareambienteMagazine.