A seguito delle denunce dell’Unione Nazionale Consumatori sui difetti riscontrati dai possessori di Opel Corsa a Gpl, la casa produttrice si è impegnata ad eliminare i difetti con degli interventi specifici.
Roma, 28 gennaio 2014 – “Opel Italia è finalmente al lavoro per eliminare i difetti che si sono manifestati sulle Opel Corsa alimentate a Gpl”. Con queste parole, Raffaele Caracciolo, esperto di Automotive dell’Unione Nazionale Consumatori (http://www.consumatori.it), annuncia quanto emerso da una riunione tra l’Unc e General Motors, in merito alle numerose segnalazioni giunte agli sportelli dell’associazione sul caso Opel Corsa.
“La Società -spiega l’esperto- ha confermato un intervento specifico, secondo una procedura che sarà rilasciata alla rete di officine autorizzate entro i primi giorni di febbraio 2014. L’intervento sarà eseguito gratuitamente dalle officine della rete Opel Italia per i veicoli che abbiano manifestato i difetti segnalati, indipendentemente dall’eventuale scadenza della garanzia, purché siano verificate le seguenti condizioni:
– manutenzione ordinaria eseguita secondo le prescrizioni della Casa, documentata opportunamente qualora uno o più interventi siano stati eseguiti da officine non appartenenti alla rete Opel Italia;
– assenza di interventi, modifiche o manipolazioni dell’impianto GPL originale.
Per i veicoli che non rientrassero nelle condizioni suddette, l’officina chiederà specifica autorizzazione a Opel Italia, che verificherà puntualmente le singole posizioni”.
“Siamo lieti dell’attenzione riservata da Opel Italia alla segnalazione della nostra associazione -conclude Caracciolo- e confidiamo che le singole officine avranno il necessario supporto per fornire informazioni trasparenti ed esaurienti sugli interventi correttivi disposti”.