Seguici su

Salute

Ora Solare, dormire troppo fa male

Pubblicato

il

Dicono gli esperti del riposo di Astro Italia: «Contro ogni credenza popolare, la scienza dimostra che se il sonno non avviene in condizioni ottimali per supporto del riposo e clima nella stanza, di notte si rischia di accumulare radicali liberi, che portano malessere»

Torna l’ora solare e quindi si può indugiare nel letto un’ora in più. Attenzione però: dormire può essere dannoso, se non è fatto nel modo giusto. Astro Italia, innovativa realtà del mondo del riposo, manda all’aria quanto finora si è detto sull’importanza del dormire per puntare i riflettori sull’importanza della qualità del sonno.
«Il nostro corpo è una macchina pensata per rimanere sempre in attività – dice Luigi Innocenti, uno dei titolari di Astro Italia -. All’interno delle cellule, in corpuscoli chiamati mitocondri, produce costantemente energia; quando di notte ci fermiamo, diventa più vulnerabile agli attacchi di virus e batteri, aumentando i problemi accusati durante il giorno».
Il nostro corpo, insomma, non è pensato per prendersi delle pause, ma per restare in continuo movimento: il cervello, tuttavia, ha bisogno periodicamente di un reset, senza il quale possono verificarsi gravi stati di malattia e di cattiva salute. «Capita spesso che i bambini si ammalino nottetempo, o che la febbre si alzi mentre sono a letto – spiega Innocenti -. Succede anche da adulti: si va a letto con un leggero dolore muscolare o una piccola infiammazione e ci si sveglia con il muscolo completamente bloccato».
Quando il corpo è obbligato a prendersi una pausa secerne una sostanza chiamata serotonina che, in estrema sintesi, rallenta tutte le funzioni metaboliche, ma riduce anche le difese del nostro corpo verso il mondo esterno. È pertanto proprio durante il sonno che bisogna consentire al corpo di attingere a piene mani a tutte le fonti energetiche rimanenti, considerando che il 50% dell’energia è consumato proprio dal cervello. «Il sangue deve essere libero di circolare così che tutte le sostanze nutrienti e i meccanismi naturali di difesa possano normalmente avere luogo nonostante le ridotte capacità metaboliche – afferma il titolare di Astro Italia -. La postura deve essere comoda e confortevole, in quanto diversamente alcune leggerissime infiammazioni e alcuni normali problemi posturali accusati durante il giorno possono aggravarsi durante la notte. Il sistema linfatico deve essere alleggerito e possibilmente stimolato durante il sonno, così da permettere uno normale circolazione dei sistemi di dispersione delle sostanze tossiche che accumuliamo durante il giorno. Infine le cellule devono trovare la giusta temperatura che sono esattamente i 37 gradi corporei, così da poter svolgere una semplice, ma importantissima funzione metabolica ovvero lo smaltimento delle scorie che le cellule accumulano mentre i mitocondri producono energia». Queste scorie hanno un nome che a molti suona familiare, ossia radicali liberi. «Durante il giorno i processi metabolici sono regolari e riusciamo a smaltire tanti radicali liberi quanti ne produciamo – prosegue Innocenti -. Diversamente, di notte, i nostri processi metabolici sono rallentati e se la situazione non è ideale per quanto riguarda la circolazione o la temperatura o altri stati infiammatori, questi radicali liberi tendono ad accumularsi portando gravi stati di malessere. È questo il motivo per cui negli ultimi anni le aziende più all’avanguardia non parlano più di una sola parte del letto, ma di sistema letto. È diventato infatti fondamentale prendere in considerazione tutti questi aspetti e analizzare l’ambiente in cui la persona deve dormire per creare le condizioni ideali per un sonno davvero rigenerante»

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

Salute

Scuole. Il 15 marzo sciopero Globale per il clima

Pubblicato

il

Fridays for Future: Federconsumatori aderisce alle iniziative per garantire un futuro al pianeta e promuovere lo sviluppo sostenibile.

La Federconsumatori, da sempre impegnata nella difesa dell’ambiente e nello sviluppo della cultura delle sostenibilità aderisce con convinzione al movimento Fridays for Future.

Una battaglia nata dal coraggio e dalla determinazione di Greta Thunberg, che ha coinvolto giovani studenti in tutto il mondo con l’obiettivo di fermare il cambiamento climatico e garantire un futuro al nostro pianeta.

In tal senso sosterremo lo sciopero globale promosso dagli studenti “School Strike 4 Climate” indetto il 15 marzo per rivendicare il proprio diritto alla giustizia climatica.

L’adesione a tale iniziativa si inquadra in uno scenario più vasto in cui la Federconsumatori è impegnata a promuovere lo sviluppo sostenibile e l’efficienza energetica, nonché a rivendicare un maggiore impegno dei governi per il clima e la tutela ambientale, specialmente alla luce dei dati allarmanti provenienti dai principali osservatori sul clima.

Gli impegni assunti a livello internazionale sono degli obiettivi fondamentali da cui partire, fissando sempre più in alto i limiti alle emissioni di gas a effetto serra e l’incremento della quota di energia soddisfatta da fonti rinnovabili.

Non è solo un problema di ordine economico o geopolitico, ma si tratta di una vera e propria questione di giustizia sociale, che investe le condizioni di vita delle nuove generazioni. Per garantire a loro un futuro è necessario agire con responsabilità oggi: il primo passo è prendere parte alle iniziative che ogni venerdì si stanno diffondendo anche nelle piazze italiane.

Continua a leggere

Salute

Dis-Servizio sanitario. I cassaintegrati i più colpiti socialmente. 70% dei cittadini rinuncia ai farmaci.

Pubblicato

il

Mercoledì 6 febbraio 2019 – ore 13.00
XII Commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati

guarda il video dell’audizione:

d

Continua a leggere

Salute

CONTRACCETTIVO A RISCHIO: CODACONS PRESENTA ESPOSTO IN PROCURA

Pubblicato

il

Un contraccettivo permanente dagli effetti collaterali pericolosi al punto da portare il Ministero della salute a disporne il richiamo su tutto il territorio nazionale. E’ il caso del contraccettivo “Essure”, prodotto dalla Conceptus Inc., un’azienda sussidiaria della Bayer, finito nel mirino del Codacons che lancia oggi una azione collettiva in favore di tutte le donne che hanno scelto di impiantare il prodotto in questione.

Nel periodo di tempo in cui è stato sul mercato, Essure sarebbe stato impiantato a circa 7000 donne italiane, in alternativa all’operazione chirurgica quale metodo contraccettivo permanente ed irreversibile – spiega il Codacons – Dal momento dell’immissione in commercio, tuttavia, moltissime donne hanno lamentato gravi effetti collaterali seguiti all’impianto, dalla perforazione delle tube di Falloppio e dell’utero alle emorragie e gravidanze indesiderate, arrivando in un numero rilevante di casi alla rimozione chirurgica del dispositivo.

A seguito di tali complicanze il Ministero della Salute ha richiesto, attraverso un avviso di sicurezza, di procedere in via precauzionale al tempestivo richiamo di tutte le unità ancora presenti presso le strutture sanitarie sul territorio nazionale.

Il Codacons – che nei giorni scorsi sul caso ha presentato un esposto alla Procura della Repubblica di Roma – ha deciso di scendere in campo a tutela delle donne che hanno fatto ricorso al contraccettivo Essure, mettendo a disposizione uno staff medico-legale per valutare le dovute azioni da intraprendere a loro tutela e finalizzate ad ottenere il risarcimento dei danni subiti, anche in relazione ai rischi sanitari corsi.

Tutti gli interessati possono ottenere info alla pagina https://codacons.it/sotto-accusa-il-dispositivo-contraccettivo-permanente-essure-agisci-ora-per-chiedere-il-risarcimento/

Continua a leggere