E’ stato presentato ieri il Rapporto I-Com 2013 sui Consumatori, realizzato dall’Istituto per la Competitività. La ricerca ha preso in esame l’attività delle associazioni dei consumatori esistenti in Italia, confrontando le iniziative delle varie organizzazioni, la diffusione sul territorio, l’assistenza fornita, la rappresentatività e la comunicazione. Anche quest’anno il Codacons si conferma l’associazione leader in Italia nella difesa dei consumatori, e la più citata su giornali, radio e tv, staccando nettamente la seconda classificata (Federconsumatori, che secondo lo studio non vede crescere la propria presenza sui giornali rispetto al precedente anno) e incrementando sensibilmente il numero di citazioni sulla stampa nazionale.

“Il Codacons è l’associazione più citata, comparendo nel 34% degli articoli censiti – si legge nel rapporto I-Com – seguita da Federconsumatori e da Adusbef, rispettivamente con il 23% e il 16%, le quali intervengono con un’unica voce o, più banalmente, compaiono molto spesso nei medesimi articoli. Dietro queste tre si piazzano Adiconsum (6%), ed a pari merito con il 5% Altroconsumo e Adoc, ed ancora Cittadinanzattiva con il 3 %, Movimento Difesa del Cittadino con il 2% e Unione Nazionale Consumatori con l’1%. Le altre 9 associazioni (Nell’etichetta residuale “Altre” rientrano Confconsumatori, Movimento consumatori, Assoutenti, Lega consumatori, Casa del consumatore, Codici, Acu, Assoconsum, Ctcu.), tutte insieme, si fermano al 5%”.

“Dal confronto con il 2011, si nota come il Codacons si confermi l’associazione più spesso menzionata e rinsaldi il proprio primato mediatico, passando dal 29 al 34% – spiega ancora il rapporto – Tale incremento può essere in parte spiegato dal suo approccio generalista e trasversale, dal suo interesse ad occuparsi di ogni ambito, al di là di un singolo settore o di pochi settori specifici e dalla vocalità della funzione di denuncia che assume. Il Codacons, infatti, è, almeno dal punto di vista mediatico, in primo piano su fatti o eventi contingenti di forte presa sull’opinione pubblica, quali, ad esempio, solo per citarne alcuni, il caso Concordia, le polemiche sorte intorno al restauro del Colosseo, l’emergenza maltempo di inizio febbraio, ma anche questioni relative a gioco d’azzardo, politica, costume. Il secondo ed il terzo posto delle associazioni più menzionate è anche quest’anno appannaggio di Federconsumatori e Adusbef. La prima, rispetto al 2011, mantiene quasi inalterato il suo peso sul totale degli articoli”.