Gli aumenti dei listini dei carburanti applicati nelle ultime ore dai distributori di tutta Italia, sono per il Codacons eccessivamente veloci e rappresentano un danno per gli automobilisti.

“Oggi il petrolio ha superato i 50 dollari al barile, e immediatamente le compagnie petrolifere hanno rincarato i prezzi al dettaglio di benzina e gasolio – spiega il presidente Carlo Rienzi – Un aggiornamento dei listini che appare velocissimo e che fa seguito ad una serie di ritocchi all’insù dei carburanti registrati negli ultimi giorni. Una tempistica che danneggia gli automobilisti, i quali pagano i rialzi dei prezzi nonostante benzina e gasolio erogati siano stati acquistati mesi fa a listini inferiori”.

“Riteniamo il Governo debba intervenire con urgenza per risolvere l’annosa questione degli adeguamenti dei listini nel settore dei carburanti e per eliminare qualsiasi forma di speculazione e aggiotaggio, in modo da a giungere a meccanismi di indicizzazione al petrolio più favorevoli agli utenti” – conclude Rienzi.