Dal  26 luglio, le Associazioni dei Consumatori diventano il canale preferenziale attraverso cui i consumatori possono formulare domande all’ Agenzia delle Entrate sul canone Rai.

Per chiarire eventuali dubbi, richiedere informazioni o presentare reclami, basterà rivolgersi  all’Associazione Consumatori  CODICI, che farà da portavoce e intermediario delle richieste dei consumatori.

Considerato il ruolo svolto dalla nostra associazione al servizio dei cittadini, è necessario sottolineare un aspetto molto importante: nel caso in cui il consumatore presenti un reclamo per un disservizio o per qualsiasi anomalia nella fornitura elettrica e, quindi, di conseguenza interrompa il pagamento della parte energia, dovrà necessariamente continuare a corrispondere quello del Canone RAI.
Non si può, infatti, interrompere il pagamento di quest’ultimo che dovrà essere pagato esclusivamente tramite bonifico bancario.

Operazione che ha un costo, non irrilevante, se si considera l’esiguo importo della rata del canone. Il che è già di per sé un paradosso, ma il paradosso ancora più grande è che l’Agenzia delle Entrate non ha ancora provveduto a comunicare gli estremi per il pagamento e non fornisce alcuna indicazione al consumatore che ha presentato un reclamo nei confronti dell’azienda elettrica.
Ricordiamo che da quest’anno il canone di abbonamento alla televisione per uso privato si paga direttamente con la bolletta dell’energia elettrica, come previsto dalla normativa vigente. Per il 2016, l’importo è stato ridotto a 100€ e rateizzato in 10 rate mensili da gennaio a ottobre.
Per procedere al pagamento si potrà scegliere tra diverse modalità: domiciliazione, sito web aceaenergia.it, punti vendita Sisal/Lottomatica, bollettino postale premarcato,ecc.
Chi dovrà pagare il Canone? È tenuto al pagamento chiunque detenga uno o più apparecchi televisivi, indipendentemente dall’utilizzo. La detenzione dell’apparecchio si presume nel caso in cui esista un’utenza per la fornitura di energia elettrica, presso l’indirizzo di residenza.

Per ulteriori approfondimenti o casi specifici, tutti i cittadini potranno rivolgersi alla nostra Associazione per presentare ogni tipo di quesito inerente alla questione del canone RAI. Ma attenzione: la gestione delle richieste avverrà unicamente ON line, tramite la sezione reclami, a cui ognuno potrà liberamente accedere, sul sito a questo linkhttp://www.codici.org/canone-tv.html