Parma, 11 settembre 2015 – Confconsumatori ha intrapreso una battaglia legale contro le più alte sfere della Banca Monte dei Paschi di Siena, responsabili di gravi fatti delittuosi quali false comunicazioni sociali e manipolazione del mercato, ai danni dei risparmiatori.

 

Nella primavera 2014 il G.U.P. del Tribunale di Siena si era dichiarato incompetente territorialmente e aveva trasmesso gli atti alla Procura della Repubblica di Milano. Ora gli azionisti MPS possono costituirsi parte civile nel procedimento pendente di Milano, la cui udienza innanzi il Giudice per le Indagini Preliminari è fissata il 12 ottobre 2015. Per ottenere il risarcimento dei danni subiti, dunque, è possibile rivolgersi alle sedi territoriali di Confconsumatori (l’elenco è disponibile a questo link), o scrivere all’indirizzo dedicato mps@confconsumatori.it per ottenere informazioni sui servizi messi a disposizione dai legali, sulla documentazione necessaria e sui relativi costi.

 

Si ricorda ai risparmiatori interessati che la documentazione suddetta deve essere consegnata entro il 2 ottobre prossimo.

 

Confconsumatori è già stata riconosciuta parte civile nel processo iniziato a Siena poi trasmesso per competenza a Milano: «Dopo il rinvio della sede processuale per competenza da Siena a Milano – commenta Mara Colla presidente di Confconsumatori – siamo pronti a mettere a disposizione le nostre competenze, maturate in oltre 10 anni di battaglie a tutela dei “risparmiatori traditi”. Anche in questa occasione saremo al loro fianco fornendo la possibilità di costituirsi parte civile per ottenere il risarcimento dei danni patiti».