Nel 2008 l’Antitrust ha deliberato una sanzione complessiva di 320.000 euro a carico della Rcs e di Vodafone per un messaggio pubblicitario “mascherato” all’interno di una rubrica della rivista “Il Mondo” nel quale alcuni esperti davano rispondevano alle domande dei lettori. Nei giorni scorsi il Tar del Lazio ha respinto il ricorso presentato dalla Rcs, dichiarando inammissibile quello presentato dai responsabili della rivista.

Assoutenti (leggi l’articolo) ha approfondito questo caso ed altri casi di pubblicità occulta sanzionati dall’Agcm.