I dati diffusi oggi dall’Ivass sulla crescita delle tariffe rc auto in Italia, dimostrano come gli automobilisti italiani siano i più tartassati d’Europa sul fronte assicurativo, con i prezzi delle polizze in costante crescita e divari sempre più netti tra nord e sud del paese. Al punto che oramai molti cittadini, schiacciati dalla crisi economica, scelgono di non assicurare la propria autovettura, non potendo permettersi tariffe abnormi.

“Sulle strade italiane circolano oggi circa 4 milioni di automobili sprovviste di copertura assicurativa, e i numeri sono in costante crescita – afferma il Presidente Carlo Rienzi – Alla base di tale fenomeno vi sono proprio le tariffe rc auto, le quali hanno raggiunto livelli tali da rendere impossibile per molte famiglie assicurare la propria autovettura. La situazione più critica sul fronte della circolazione senza copertura, si registra nel sud Italia, dove i costi delle polizze crescono più che nel resto del paese, raggiungendo livelli record. Basti pensare che un neopatentato residente nel sud può arrivare a pagare una polizza rc auto fino ad 8.000 euro in più rispetto ad un neopatentato che vive al nord” – conclude Rienzi.