Quando si cerca un preventivo per l’assicurazione auto conveniente bisogna fare attenzione alle truffe. Ecco come difendersi dalle compagnie fantasma.

Gli italiani ormai sanno bene che per trovare una polizza assicurativa conveniente oggi ci sono molti aiuti che arrivano direttamente dal web, per esempio i comparatori on line che in pochi e semplici passaggi permettono ai consumatori di avere una panoramica completa dei preventivi assicurazione auto più economici presenti sul mercato.

Anche sapere come fare per attivare una nuova Rca è diventato più semplice, infatti sempre rivolgendosi al web si possono avere delle delucidazioni al riguardo: ci sono siti dedicati, dove i consumatori possono ricevere molti consigli per sottoscrivere sia assicurazioni tradizionali che on line.

Il costo sempre più alto delle Rc auto induce i consumatori a rivolgersi sempre verso l’alternativa di mercato più economica, ma non sempre, purtroppo, convenienza fa rima con sicurezza. Negli ultimi anni infatti si sono sviluppate molte compagnie fantasma, ovvero finte società fuori legge che si presentano con nominativi simili a quelli di una compagnia regolare e propongono prezzi competitivi, ma poi al momento del bisogno spariscono.

Stipulare una polizza con una compagnia fantasma significa non avere una copertura assicurativa reale in caso di sinistro e, soprattutto, non rispettare la normativa vigente in materia di Rc auto. Caratteristica, questa, che può far incorrere il contraente della polizza in una sanzione e nel sequestro del veicolo. Oltre il danno, la beffa, quindi.

Come tutelarsi allora contro queste possibili truffe? L’unico accorgimento da prendere per evitare d’incorrere nel rischio di una polizza stipulata con una compagnia fantasma è quello di raccogliere informazioni sul Gruppo prima della sottoscrizione.

Per esempio ci si può rivolgere al sito dell’Ivass, l’Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni, dove sono disponibili due differenti elenchi. Uno descrive tutte le compagnie non autorizzate dalla normativa e l’altro riporta alcuni dei casi di contraffazione di polizze per l’assicurazione auto. In questo modo i consumatori possono avere un valido aiuto nel contrastare questo problema.

Sicuramente scegliere una polizza Rc auto più conveniente può far risparmiare anche 200 euro. “Chi stipula una polizza Rc auto con compagnie non autorizzate non assolve l’obbligo assicurativo previsto. Non solo non è coperto in caso di incidente, ma rischia pure il sequestro del veicolo e una sanzione fino a 3.366 euro – ricorda Altroconsumo, associazione dei consumatori – Un rischio che corre chiunque stipuli una polizza Rc auto con compagnie non autorizzate. Per questo raccomandiamo a tutti di verificare preventivamente che i contratti Rc auto siano emessi da imprese autorizzate”.

Attenzione anche ai siti intermediari: i siti che esercitano l’attività di intermediazione tramite internet devono sempre indicare i dati identificativi dell’intermediario (l’indirizzo della sede, il recapito telefonico, il numero di fax e l’indirizzo di posta elettronica), il numero e la data di iscrizione al registro unico degli intermediari assicurativi e riassicurativi.

Prima di sottoscrivere una nuova polizza quindi dobbiamo leggere con attenzione il preventivo che ci viene proposto, in modo da avere chiare tutte le caratteristiche dell’assicurazione e non rimanere vittima di un possibile raggiro. In caso di dubbio, rivolgersi subito all’Ivass o a un’associazione dei consumatori può essere importante sempre per evitare di rimanere truffati.

 

Fonte: supermoney.eu