Una nuova grana si profila all’orizzonte per il Presidente del Consiglio. L’Antitrust ha infatti aperto un fascicolo sulla denuncia presentata dal Codacons e relativa alla fattispecie di pubblicità occul43-matteo-renzilta alla Apple nel corso dei video in diretta sui social realizzati da Matteo Renzi.

L’associazione aveva segnalato all’Autorità come, nel corso degli appuntamenti del #matteorisponde  in diretta sui principali social network, Renzi sia apparso seduto a una scrivania davanti ad un pc portatile mostrando in bella evidenza in video il logo della mela, che individua in modo diretto l’azienda statunitense Apple, e chiedeva all’Antitrust di accertare se la scelta del Presidente del Consiglio potesse rappresentare una forma di pubblicità occulta, ancor più grave se si considera la provenienza istituzionale del mega spot alla società di Cupertino.

L’Autorità garante della concorrenza, in una nota inviata al Codacons, ha informato che “con riferimento alla segnalazione in oggetto, si comunica che la pratica è stata attribuita per competenza alla Direzione Generale per la tutela del consumatore, Direzione Industria Primaria, energia, trasporti e commercio di questa Autorità. La Direzione verificherà la rilevanza dei fatti segnalati per i profili di competenza”.

“Ora l’Antitrust approfondirà la questione e valuterà la sussistenza della fattispecie di pubblicità occulta in favore della Apple – dichiara il presidente Carlo Rienzi – Qualora la nostra denuncia dovesse trovare riscontro, il Premier Renzi rischia di andare incontro alle sanzioni previste dalla normativa in materia”.