Seguici su

Consumatori

Riforma della Class Action, se il ministro si schiera con una parte violando la costituzione?

Pubblicato

il

Il Codacons ha presentato oggi una formale diffida nei confronti del Ministro per le Riforme Costituzionali, i Rapporti con il Parlamento e il Programma di Governo On. Avv. Maria Elena Boschi. Al centro dell’atto, la riforma della class action approvata alla Camera e le gravi dichiarazioni del Ministro, che di recente ha annunciato modifiche alla legge allo scopo di accogliere nel passaggio al Senato le proteste di Confindustria.

“Prima di assumere le funzioni, il Presidente del Consiglio e i Ministri devono prestare giuramento secondo la formula rituale indicata dall’art. 1, comma 3, della legge n. 400/88, che impone loro di esercitare le proprie funzioni “nell’interesse esclusivo della nazione” – scrive il Codacons nella diffida – La norma sopra citata impone a ciascun Ministro di orientare le proprie decisioni ed i propri comportamenti alla cura dell’interesse pubblico che gli è stato normativamente affidato, evitando di assumere condotte che si discostino dall’obiettivo di soddisfare gli interessi dell’intera nazione.

In ragione del ruolo rappresentativo assunto, i Ministri sono quindi tenuti ad agire senza abusare della propria posizione o dei poteri di cui dispongono, mantenendo un ruolo di indipendenza ed imparzialità, evitando situazioni di conflitto d’interessi. La scelta del Ministro Boschi di limitare alla sola Confindustria il confronto sui contenuti delle nuove “Disposizioni in materia di azione di classe”, sembra porsi in contrasto con l’obbligo di perseguire l’interesse generale della nazione, oltre che con i doveri di imparzialità e trasparenza che dovrebbero sempre connotare l’operato dei soggetti pubblici.

Cosa ancor più grave è che il Presidente Squinzi si sia dichiarato sicuro di una modifica del disegno di legge in Senato “che sistemi la situazione”, proprio in quanto rassicurato sul punto dall’attuale Ministro Boschi”.

Per tali motivi il Codacons ha diffidato il Ministro per le Riforme Costituzionali Maria Elena Boschi:

–        alla cessazione delle condotte poste in essere in violazione dei principi di cui all’art. 1, comma 3, della legge n. 400/88 ed in contrasto con gli obblighi di imparzialità e trasparenza connaturati al ruolo istituzionale dalla stessa assunto;

–        a fissare un incontro con la scrivente Associazione al fine di consentire alla medesima di farsi portatrice delle esigenze e degli interessi dei cittadini, onde evitare che la modifica delle nuove “Disposizioni in materia di azione di classe” finisca per esser figlia della valutazione dei soli interessi della grande impresa.

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

Consumatori

Addio alle monetine da 1 e 2 centesimi

Pubblicato

il

Dal 1° gennaio 2019, la Zecca dello Stato sospenderà la produzione delle monetine da 1 e 2 centesimi, che non hanno mai riscosso grande simpatia da parte dei consumatori.

È bene precisare che si tratta di una sospensione contenuta nella legge di Bilancio 2018 (Legge 97/2017) del precedente Governo, dovuta agli eccessivi costi di produzione, gestione e distribuzione. La scorsa Legge di Bilancio prevede, inoltre, di arrotondare i prezzi al multiplo di 5 più vicino, per eccesso o per difetto.

Ma quanti di voi si aspettando che si arrotondi per difetto? Ai posteri l’ardua sentenza

Continua a leggere

Consumatori

Smartphone, quali rischi per la salute?

Pubblicato

il

Una campagna informativa da realizzarsi entro il 16 luglio 2019 sui modi corretti di utilizzo dei telefoni cellulari e cordless. È quanto prevede una sentenza del Tar del Lazio che obbliga i ministeri dell’Ambiente, della Salute e dell’Istruzione a informare i cittadini sui rischi di un uso improprio di questi dispositivi, “nonostante ad oggi le conoscenze scientifiche non dimostrino alcun nesso di causalità tra esposizione a radiofrequenze e patologie tumorali”. I giudici amministrativi hanno così accolto parzialmente il ricorso dell’Associazione per la prevenzione e la lotta all’elettrosmog che aveva contestato l’immobilismo sul tema da parte dei dicasteri, ciascuno per il proprio ambito di competenza.

Gli obiettivi della campagna informativa

La campagna d’educazione e informazione ambientale, si legge nella sentenza del Tar del Lazio, sarà “rivolta all’intera popolazione” e avrà come oggetto “l’individuazione delle corrette modalità d’uso degli apparecchi di telefonia mobile (dunque, come detto, telefoni cellulari e cordless) e l’informazione dei rischi per la salute e per l’ambiente connessi a un uso improprio di tali apparecchi”. Nel predisporre la campagna i ministeri dell’Ambiente, della Salute e dell’Istruzione dovranno avvalersi “dei mezzi di comunicazione più idonei ad assicurare una diffusione capillare delle informazioni in essa contenute”. Particolare attenzione deve essere rivolta soprattutto ai bambini, considerato che utilizzano lo smartphone in età sempre più precoce. Far capire ai genitori che una sovraesposizione dei loro figli a questi dispositivi fin da quando sono piccoli potrebbe nuocere alla loro salute e al loro regolare sviluppo, è uno dei compiti che si deve prefiggere la campagna.

Ma è vero che l’uso eccessivo di smartphone fa male alla salute?

Al netto della sentenza del Tar del Lazio, ad oggi non esistono prove scientifiche che dimostrino che un utilizzo oltre il dovuto degli smartphone sia connesso direttamente a un maggior rischio di contrarre tumori. In questo campo le ricerche delle massime organizzazioni sanitarie nazionali e internazionali, comprese quelle portate avanti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, sono ancora in corso. Detto ciò, in Italia la questione è attenzionata dal Ministero della Salute almeno dal 2012, anno in cui il dicastero aveva confermato che non vi erano certezze sulla presenza di un nesso di causalità tra esposizione a radiofrequenze e patologie tumorali, specificando però che un collegamento non potesse essere del tutto escluso motivo per cui ci sarebbe stata continua sorveglianza sul tema. La campagna informativa che adesso viene imposta ai tre ministeri dal Tar del Lazio è un provvedimento che va pertanto interpretato in quella direzione.

Smartphone, qualche consiglio per usarlo correttamente

Ci sono alcuni semplici consigli da seguire per usare in modo corretto lo smartphone ogni giorno, evitando inutili utilizzi eccessivi di questo dispositivo. Quando si acquista uno smartphone è consigliabile scegliere dispositivi con un basso Tas (in inglese Sar), la sigla che indica il livello delle emissioni elettromagnetiche. Se si è a casa o in ufficio meglio usare il telefono fisso in quanto in ambienti chiusi il cellulare aumenta la potenza di emissione. Utilizzare sempre l’auricolare o il vivavoce per limitare gli effetti delle onde elettromagnetiche del dispositivo sul cervello. Se non si hanno degli auricolari a portata di mano, è bene evitare chiamate lunghe e, se necessario, alternare un orecchio con l’altro durante la conversazione. Le chiamate vanno effettuate solo c’è pieno campo, altrimenti il cellulare aumenta la sua potenza di emissione per riuscire a garantire la chiamata. Quando si dorme lo smartphone non va né tenuto né caricato vicino al letto. Mentre di giorno va tenuto il più possibile lontano dal proprio corpo: dunque non in tasca, ma sul tavolo se si è a casa o in ufficio, oppure nello zaino o in borsa se si è in movimento. Ci sono poi dei luoghi specifici in cui è sempre meglio spegnere il cellulare, come quando si è in ospedale o di fronte a persone con pacemaker e apparecchi acustici: in questo modo le onde del dispositivo non potranno interferire con le apparecchiature elettromedicali. Le donne in gravidanza sono molto più ricettive all’elettromagnetismo, motivo per cui è bene che evitino l’uso eccessivo degli smartphone. Capitolo a parte meritano, infine, i bambini. A scuola, come noto, l’utilizzo dello smartphone è vietato per legge. Se viene concesso ai più piccoli l’utilizzo del telefonino quando non sono a casa, i genitori devono attivare i filtri di sicurezza dedicati e raccomandare loro di usarlo solo per le chiamate di emergenza.

Continua a leggere

Consumatori

Annullate cartelle e multe sotto i 1.000 euro: come verificare se l’Agenzia delle Entrate Riscossione te le ha cancellate?

Pubblicato

il

Fonte: ADICONSUM

Cartelle/multe pagate dopo il 24 ottobre 2018

Tali somme andranno:

  • ai debiti eventualmente inclusi nella definizione agevolata prima del versamento
  • ai debiti scaduti o in scadenza.

In assenza di debiti, le somme versate saranno rimborsate.

Cartelle e multe che non prevedono l’annullamento automatico

La “pace fiscale” no n si applica alle seguenti tipologie di debiti:

  • debiti relativi alle risorse proprie tradizionali dell’UE e all’IVA sui prodotti di importazione
  • debiti derivanti dal recupero degli aiuti di Stato considerati illegittimi dall’UE o da condanne pronunciate dalla Corte dei Conti
  • multe, ammende e sanzioni pecuniarie elevate a seguito di sentenze penali di condanna.

Continua a leggere