Grazie alla scatola nera applicata sulla nostra auto possiamo risparmiare sull’assicurazione Rc auto. Ecco cosa è e come funziona questo apparecchio.
Trovare un’assicurazione auto poco costosa oggi può essere difficile. Ma essendo un’assicurazione obbligatoria, siamo costretti a sottoscriverne una per poter circolare: per questo confrontare i preventivi di assicurazione auto più convenienti è un passaggio che viene sfruttato da molti prima di sottoscrivere una nuova polizza Rca.
Oggi per i consumatori c’è anche un’alternativa in più, infatti oltre a scegliere una polizza assicurativa si può cercare quella più adatta al nostro uso pratico del mezzo, scegliendo tra quella tradizionale e quella a consumo o chilometraggio.
La polizza a consumo prevede che il premio annuo finale sia calcolato in base al numero di chilometri percorsi dalla nostra auto. Ma come si può tenere conto in modo analitico di questi km? Per farlo è necessario installare sulla nostra auto la scatola nera
La scatola nera è un dispositivo mobile che serve prprio per rilevare in modo oggettivo tutti i dati relativi alla condotta di guida. Sempre più compagnie, tradizionali e on line, la propongono anche come misura di contrasto alle frodi e come mezzo per abbassare i prezzi delle polizze.
Vediamo allora nel concreto come funziona la scatola nera: questa, una volta installata sulla nostra auto, permetterà di rilevare la velocità di guida, accelerazione e decelerazione, la marcia inserita dal guidatore, il numero di giri del motore.
Inoltre potrà localizzare il nostro mezzo nel caso di un furto, ma anche azionare gli airbag e chiamare i soccorsi dopo un incidente o un guasto. Questo perché la scatola nera è collegata a un centro attivo 24 ore su 24.
Tutte le informazioni rilevate dalla scatola nera, come detto sopra, verranno poi inserite nel database della compagnia presso cui abbiamo sottoscritto la polizza, e che poi procederà con la stipula del premio finale che dovremo pagare.
fonte: supermoney.eu