Roma, 24 ottobre 2014 – Il crollo dei consensi del Sindaco di Roma Marino, il cui operato è bocciato da otto romani su dieci secondo un’indagine SWG, è lo specchio della situazione della Capitale. Una città allo sbando, in cui l’inefficienza dei servizi pubblici, in primis il trasporto, e il degrado diffuso la fanno da padroni.

“Roma ha bisogno, urgentemente, di una “Renovatio”, che la trasformi completamente, riportandola allo splendore di un tempo – dichiara Lamberto Santini, Presidente dell’Adoc – l’amministrazione capitolina ha fallito nel suo compito, sono i cittadini a dirlo. Il rinnovamento deve quindi partire dalla testa, Roma ha una necessità estrema di cambiamento, di modernità, di sicurezza. Sono numerose le criticità che affossano Roma:

· Il sistema di trasporti pubblici è al collasso: la riduzione delle tratte servite dalle linee bus, congiuntamente all’inefficienza dei mezzi circolanti (spesso fuori servizio o in rimessa in quanto non funzionanti) ha generato un’attesa media alle fermate di 30-40 minuti, in particolare nelle zone più periferiche; le linee metropolitane proseguono a singhiozzo, i vagoni sono vecchi di trent’anni, spesso senza aria condizionata e con forti ritardi, specialmente sulla linea B. Roma ha solo 40 km di linea metropolitana, un sesto rispetto alla media delle grandi capitali europee. Mentre gli autobus sono 0,7 ogni mille abitanti E l’aumento delle tariffe delle strisce blu ha causato un danno medio di quasi 200 euro per ogni lavoratore costretto a utilizzare la propria auto per recarsi a lavoro. Inoltre Roma ha il collegamento ferroviario verso l’aeroporto più caro d’Europa, in media in Europa il costo di un biglietto dal centro città in aeroporto su ferro costa 11,70 euro, circa il 20% in meno che a Roma.

· I rifiuti invadono i quartieri: intere zone e strade, dal centro alla periferia, continuano ad essere invase dai rifiuti, con conseguenze sul degrado urbano e sulla salute dei cittadini. E oltre al danno la beffa. Nella Capitale si spendono in media 320 euro l’anno per la tassa sui rifiuti, contro i 282 euro della media europea, ben il 13,4% in più, ma si arriva anche al 32,2% di differenza con Stoccolma, dove si pagano 242 euro l’anno, o al 15,7% con Madrid, dove la spesa si attesta sui 276 euro annui.

· Il degrado urbano è sempre più evidente: sia al Centro storico che in periferia i segni del degrado urbano e dell’incuria sono tangibili. Ancora oggi i camion bar la fanno da padroni davanti ai principali monumenti della città, molti giardini sono stati abbandonati a sé stessi, le piste ciclabili sono invase dall’erbaccia e dai rifiuti, le stazioni metropolitane sono terra di nessuno. Roma è sempre più uno sgradito suk. E l’intero settore turistico ne risente. Anche perché la city card offre pochi sconti e vantaggi rispetto a quanto previsto nelle altre Capitali europee.

· Col maltempo Roma diventa una piscina: la Capitale si è finora dimostrata assolutamente inadeguata ad affrontare qualsivoglia emergenza di natura meteorologica. Dalle stazioni metro con le cascate ai laghi formatisi sul Grande Raccordo Anulare, dalle buche veri e propri “crateri lunari” alle strade improvvisamente torrenti in piena, non c’è romano che quando piove non incrocia le dita sperando di non subire disagi. E l’inverno è alle porte.

· Sicurezza stradale: la combinazione tra traffico perenne e manto stradale in pessime condizioni rende la vita degli automobilisti romani un calvario. Oggi per entrare e per uscire da Roma attraversando le principali vie ci vuole almeno un’ora, nel migliore dei casi. E’ evidentemente una situazione non più sostenibile, che comporta perdita di tempo, di ore lavorative e di salute. Oltre a costituire un grave pericolo per l’incolumità dei cittadini le buche di Roma creano un danno anche a livello economico ai cittadini, visto che per il cambio di un pneumatico si spendono in media 150 euro.

La Capitale continua quindi ad essere una città invivibile per i suoi cittadini. Serve un deciso cambio di rotta rispetto al silenzio finora espresso dall’amministrazione capitolina. L’amministrazione ascolti i cittadini, ascolti il loro disagio, le loro difficoltà quotidiane e si rimbocchi le maniche intervenendo per risolvere concretamente i reali problemi che assillano la città.

Queste sono le nostre idee per un rilancio della Capitale che giriamo volentieri al Sindaco Marino:

· Nuovo e migliore piano di viabilità sia su strada che su ferro, con l’ampliamento della rete metropolitana e ferroviaria in interconnessione con la rete nazionale e contestuale miglioramento in termini di efficienza e qualità delle attuali infrastrutture. Va inoltre potenziata la rete ciclabile, in particolare nelle zone più periferiche.

· Sviluppo delle infrastrutture turistiche, sia ricettive che di mobilità e rilancio delle zone ad alta potenzialità turistica, come ad esempio gli scavi di Ostia Antica. Roma deve essere fruibile, l’accesso alla cultura diffuso.

· Rilancio e riqualificazione del Centro Storico di Roma e delle periferie, essenziale a livello territoriale, sociale ed economico. Tra gli interventi il rilancio delle piccole imprese commerciali e artigianali e lo sviluppo della mobilità.

· Investimenti sul decoro urbano sia al centro che nelle periferie. Occorre estendere i servizi di vendita offerti dalle edicole anche a snack e bibite. In questo modo si trasformerebbero in un vero e proprio presidio territoriale al centro storico e nelle periferie, sia per i cittadini romani che per i turisti. Le edicole rappresentano un momento di civiltà all’interno dell’ecosistema capitolino.

· Investimenti sulla sicurezza stradale: la completa eliminazione delle buche e dei tratti stradali disconnessi e la messa in sicurezza di tutti gli incroci e attraversamenti pedonali sono prioritari ma va garantito anche il rispetto delle regole: maggiori controlli e sanzioni più pesanti per coloro che passano il rosso presso gli incroci e per chi parcheggia in doppia fila. Pedoni e ciclisti devono avere il massimo rispetto.

ADOC