Il nuovo termine per fruirne e’ stato fissato al 31 Maggio 2014 dalla conversione in legge del Dl 16/2014 entrata in vigore il 6/5/2014 (1).

Considerata la difficoltà per il contribuente ad individuare le cartelle “sanabili”, è la stessa Equitalia che dispone che ci si debba recare presso i propri sportelli per informarsi ed eventualmente procedere al pagamento agevolato (da parte nostra siamo d’accordo: e’ meglio non far da sé per evitare errori e spiacevoli conseguenze).

Prorogati anche gli altri termini dell’iniziativa: entro il 31/10/2014 l’agente della riscossione dovrà comunicare per iscritto l’avvenuta estinzione del debito. E per tutte le cartelle coinvolte -a prescindere che vengano sanate o meno- il termine di attivazione delle attività di riscossione coattiva è sospeso fino al 15 Giugno 2014.
Salvo, ovviamente, ulteriori proroghe della sanatoria.

Per approfondimenti si veda questo articolo aggiornato
‘Sanatoria’ cartelle esattoriali. Chi riguarda e come si fa 

(1) Legge 68/2014 che ha convertito il Dl 16/2014 art.2 comma 1. La precedente proroga, fissata dallo stesso Dl 16/2014 in prima stesura, era scaduta a fine Marzo 2014. Il termine originario della sanatoria era fissato al 28 Febbraio 2014.

Rita Sabelli, responsabile Aduc aggiornamento normativo