Synergo S.r.l., Casa di Cura Privata Villa Serena (di Leonardo Petruzzi S.r.l. con socio unico), Casa di Cura Privata Di Lorenzo S.p.A. e Presidio Ospedaliero Villa Letizia potrebbero avere adottato una strategia comune nella partecipazione alle gare per l’affidamento delle cliniche già facenti parte del gruppo Angelini.

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, nella riunione del 6 novembre 2013, ha deciso di avviare un’istruttoria per verificare se quattro società operanti nella sanità privata in Abruzzo abbiano posto in essere un’intesa restrittiva della concorrenza.

Il procedimento, avviato alla luce di una segnalazione della società Seagull, dovrà verificare la possibile esistenza di una strategia comune tra le società Synergo S.r.l., Casa di Cura Privata Villa Serena (di Leonardo Petruzzi S.r.l. con socio unico), Casa di Cura Privata Di Lorenzo S.p.A. e Presidio Ospedaliero Villa Letizia, in relazione alla partecipazione alle gare per l’affidamento delle cliniche già facenti capo al Gruppo Angelini. In particolare: alla prima gara (relativa alla clinica Santa Maria) ha preso parte solo Di Lorenzo (attraverso la controllata Villa Gaia); alla seconda gara (relativa alla clinica Sanatrix) ha preso parte solo Villa Letizia; Synergo, Villa Serena e Di Lorenzo hanno congiuntamente preso parte alla gara relativa alla clinica Villa Pini, alla quale non ha preso parte Villa Letizia. Secondo le contestazioni formulate nel provvedimento di avvio, la decisione di partecipare tutte insieme a quest’ultima gara sarebbe stata adottata dalle tre società solo nel momento in cui, a fronte dell’offerta irrevocabile di acquisto presentata formalmente da Seagull, vi sarebbe stata la certezza che la loro mancata partecipazione avrebbe comportato l’assegnazione di Villa Pini al concorrente.
Il procedimento si concluderà entro il 31 dicembre 2014.

Roma, 12 novembre 2013