Consumerismo.it se ne era occupato qualche settimana fa , lanciando un appello a sistema con il pezzo Consumatori, forse è il momento di ripensare al consumerismo”italiano”?


Il senatore del Pdl Augusto Minzolini ha presentato una interrogazione parlamentare al Ministro dello sviluppo economico in merito al caso dei legami sospetti tra associazioni dei consumatori e le sigle sindacali.

Legami che portano alcune associazioni ad operare con scarsa indipendenza e in situazioni di conflitto di interessi: basti pensare al caso Ilva, emblematico del conflitto tra diritti dei cittadini e degli abitanti di Taranto da un lato, e diritti dei lavoratori dall’altro.
“Molte associazioni dei consumatori, iscritte al CNCU, e quindi rientranti nell’alveo delle associazioni potenziali beneficiarie di finanziamenti pubblici, appaiono strettamente legate al mondo dei sindacati – si legge nel testo dell’interrogazione – gravissime ed illegittime a giudizio dell’interrogante sono, inevitabilmente, le conseguenze in ordine al proselitismo associativo, al diritto al finanziamento pubblico (per il raggiungimento requisiti numerici per l’iscrizione al CNCU), all’elusione della concorrenza, alla coercizione e al raggiro nella manifestazione della volontà contrattuale del consumatore e violazione della riservatezza e privacy dei dati personali;
legame che si sostanzia, tra l’altro, in una palese violazione della libertà di scelta del cittadino in ordine all’individuazione dell’associazione dei consumatori a cui intende rivolgersi; in molti casi le “associazioni parasindacali” (ad esempio Federconsumatori ed Adiconsum) iscritte al CNCU individuano e “reclutano” i propri tesserati facendo confluire nell’associazione dei consumatori gli iscritti del sindacato;
è stato di recente presentato un esposto all’AGCM, al Garante per la protezione dei dati personali ed al Ministero dello sviluppo economico al fine di segnalare il caso di specie come espressivo di una prassi che non solo risulta finalizzata ad alterare le reali connotazioni (specie in termine di numero di iscritti) delle associazioni con evidenti conseguenze in ordine ai benefici economici derivanti dall’iscrizione al CNCU, ma che incide negativamente sia sul proselitismo associativo che sulla tutela della privacy e riservatezza del cittadino che, aderendo ad un sindacato, per questioni di diritto del lavoro, si trova senza sua espressa volontà destinatario di tessere appartenenti ad associazioni dei consumatori legate a quel determinato sindacato”.

Il Senatore Minzolini ha dunque chiesto al Ministro dello sviluppo economico di sapere:
“se il Ministro in indirizzo voglia considerare la veridicità di ciò, e attivarsi al fine di contrastare un siffatta prassi in base alla quale lo sfruttamento delle sedi dei sindacati viene asservito dagli stessi per acquisire, senza espresso ed informato consenso del consumatore, iscritti all’associazione dei consumatori collegata al sindacato, mediante l’invio della tessera associativa presso il domicilio degli aderenti al sindacato;
se ritenga che tale meccanismo non solo finisce per alterare gravemente ed illegittimamente le condizioni di accesso (numero di iscritti) ai finanziamenti spettanti alle associazioni aderenti al CNCU, ma costituisce condotta fortemente anticoncorrenziale, oltre che elusiva del diritto alla privacy;
se voglia adottare le misure opportune di competenza per scongiurare il rischio che i finanziamenti alle associazioni iscritte al CNCU non vengano disposti alla luce di dati numerici, riferiti al numero di associati, non veritieri e frutto di meccanismi di associazionismo frutto di opere di “reclutamento” da parte di sindacati;
se e quali misure intenda porre in essere affinché venga assicurato il rispetto del proselitismo associativo, e risolta la problematica dell’influenza del mondo sindacale nel contesto del servizio che le associazioni dei consumatori devono rendere, per statuto, in maniera esclusivamente finalizzata alla tutela del consumatore;
se e quali misure di competenza intenda porre in essere affinché vengano eliminate situazioni di indebita attribuzione di fondi pubblici a favore di solo alcune associazioni, ovvero situazioni espressive di condotta anticoncorrenziale, esercitata in spregio del doveroso rispetto della normativa sulla privacy e riservatezza dei dati personali”.