Un verme lungo circa 1 cm (anche se alcuni quotidiani on line hanno scritto addirittura 10!) è stato individuato nella testa di un uomo britannico di origine cinese. Come riportato da Adkronos, si tratta di un «parassita dell’Estremo Oriente», la cosiddetta Spirometra erinaceieuropaei. Si conosce dal 1953 e mai fino ad ora era stata vista nel Regno Unito.

Il verme – continua Adkronos – causa la sparganosi, ovvero una un’infiammazione dei tessuti del corpo in risposta al parassita. Può causare convulsioni, perdita della memoria e intensi mal di testa. L’infezione si rischia « consumando piccoli crostacei di lago, mangiando carne cruda di rettili e anfibi, o utilizzando un rimedio cinese a base di rana per calmare il male agli occhi».

L’uomo ha vissuto con il verme nella sua testa per lungo tempo. Sovente si sottoponeva ad alcuni esami in ospedale, risultati inizialmente sempre negativi. Una volta individuato con una risonanza magnetica, il parassita, che tra l’altro aveva viaggiato per 5 cm dal lato destro verso sinistra è stato rimosso. Le informazioni genetiche sul parassita sono state pubblicate su “Genome Biology”.