Roma, 03 luglio 2014 – “La certezza di sapere sempre Chi fa cosa quando: è la garanzia offerta dal Sistema Informativo Integrato, uno strumento di lavoro per gli operatori, una garanzia di trasparenza per gli utenti”. Lo ha affermato Paolo Vigevano, Presidente e AD di Acquirente Unico, nel corso del Convegno “Sistema Informativo integrato, uno strumento di efficienza”.

Il valore aggiunto del SII, sistema interconnesso e interoperabile assimilabile per potenzialità a quello bancario, è permettere l’interlocuzione trasparente tra gli operatori (370 nel mercato elettrico e almeno 600 in quello del gas) e gli utenti finali attraverso Acquirente Unico, soggetto terzo pubblico, che garantisce tutti perché non condivide interessi con nessuno. “Il SII non è solo una semplice infrastruttura tecnologica che standardizza ed automatizza i processi esistenti – continua Paolo Vigevano – ma offre la base per migliorarli. Il suo successo costituisce un possibile modello per la pubblica amministrazione”.

“Un esempio dell’utilità del SII – aggiunge Paolo Vigevano – a gennaio di quest’anno, nel solo mercato libero dell’energia elettrica, sono stati riscontrati circa 170mila contatori cui non corrispondeva alcun codice fiscale o partita iva validi. Si tratta del tipo di errore che blocca qualunque operazione (volture, cambi di fornitore etc). Lavorando con gli operatori a vantaggio del mercato, il SII ha consentito nel giro di un solo mese di abbattere questi errori a 15mila. Oggi, l’errore è prossimo allo zero. Grazie a tale attività questi consumatori non subiranno alcun disservizio nell’eventuale cambio di fornitore.”

“E’ stato un tempo record – conclude Paolo Vigevano – quello intercorso fra l’introduzione della legge e l’entrata in funzione del Sistema: dovevamo completare il lavoro sul settore elettrico entro il 2015 e poi partire con il gas. Non solo contiamo di rispettare i tempi sull’elettrico, ma da questo mese siamo già partiti con il gas, garantendo l’aggiornamento quotidiano del registro degli utenti”.