Fonte: Oipamagazine.eu

Nel corso del tavolo dell’Osservatorio Imprese Credito e Consumatori, sottolineata la necessità di un piano di formazione e tre tavoli tecnici su Codice Etico, conciliazione e normativa di settore. Presenti all’incontro Cittadinanzattiva e Key People

Si è svolto martedì 17 settembre 2013 il secondo incontro dell’Osservatorio costituitosi con la firma dell’Accordo Quadro tra l’azienda Euro Service Spa e alcune tra le maggiori Associazioni dei Consumatori. Un’intesa nata dalla necessità di trovare un punto d’incontro tra il comparto del recupero crediti e le Associazioni dei Consumatori, con l’intento di garantire maggiori tutele ai cittadini, promuovendo la collaborazione e il confronto.
Hanno partecipato all’incontro Antonio Persici, Presidente di Euro Service Spa, con il proprio staff, Gianluca Di Ascenzo di Codacons, Carmine Laurenzano di Codici, Massimo D’Andrea di Assoutenti, Alessandra Paradisi e Francesco Luongo del Movimento Difesa del Cittadino. All’incontro hanno preso parte, per ora come uditori, Tiziana Toto e Liliana Ciccarelli di Cittadinanzattiva. Presente anche Maurizio D’Alterio di Key People Srl, società attiva nel comparto del recupero crediti che si candida ad entrare nell’Osservatorio una volta definiti i requisiti per accedervi.
Il tavolo di lavoro, come di consueto, è stato aperto dal Presidente, Antonio Persici, che ha presentato ai nuovi interlocutori il progetto iniziato il 28 maggio con la firma dell’Accordo Quadro Euro Service Spa – Associazioni dei Consumatori. Il Presidente ha ribadito il desiderio di portare avanti una stretta e forte collaborazione con le Associazioni, ribadendo che per trovare soluzioni efficaci “l’unica strada possibile è quella che si percorre insieme”. Tralasciando la via dello scontro in favore del confronto, lavorando insieme per un obiettivo comune: l’erogazione di un servizio migliore e rispettoso nei confronti dei cittadini.

Nel corso del secondo tavolo dell’Osservatorio, che prende il nome di Osservatorio Imprese Credito e Consumatori (OICC), sono state portate avanti le attività iniziate nel corso del primo incontro ed è stata visionata una prima bozza delle iniziative da realizzare nel corso dei prossimi mesi. Prima fra tutte è stata sottolineata la necessità di attivare un piano di formazione, al fine di creare un confronto formativo tra gli operatori che si occupano della gestione del credito e le Associazioni dei Consumatori. Uno strumento irrinunciabile per avvicinare i Consumatori e le imprese e per individuare le regole da osservare per una gestione dell’attività corretta e rispettosa nei confronti dei consumatori. Il ciclo di formazione, da svolgersi all’interno dell’azienda Euro Service Spa, avrà durata trimestrale e sarà inizialmente rivolto ai top e middle manager della società, per poi coinvolgere tutti gli operatori del gruppo. Le Associazioni si sono quindi rese disponibili e pronte a individuare le modalità per portare avanti il progetto.

La riunione è stata anche l’occasione per proporre e promuovere la formazione di gruppi di lavoro che di volta in volta esamineranno e si confronteranno sui diversi temi e problematiche che emergeranno nel corso di questa collaborazione. In particolare, è stata stabilita la costituzione di tre tavoli tecnici. Il primo si occuperà della realizzazione del un Codice Etico di tutela del consumatore. il secondo si configurerà come un gruppo di lavoro sulla conciliazione e avrà il compito di verificare l’andamento delle diverse procedure di conciliazione, analizzare i risultati, occuparsi dell’aggiornamento e della formazione dei conciliatori e individuare le linee guida di riferimento. Il terzo tavolo, infine, si occuperà di analizzare l’impianto normativo che attualmente regola il comparto, al fine di riformarlo. Euro Service Spa e Consumatori sono, infatti, concordi nel sottolineare la necessità di modificare la normativa che attualmente regola il comparto e che risale al lontano 1931. Una legge antiquata che, per regolarizzare efficientemente il settore, necessita una revisione. Il tavolo tecnico sarà quindi l’occasione per collaborare attivamente alla stesura di una proposta di legge.

Nel corso della riunione Oipa magazine ha, inoltre, presentato una breve rassegna stampa per fare il punto della situazione nel comparto del recupero crediti. Dalla fotografia scattata quello che emerge è la sempre maggiore sensibilità, nei confronti di questo settore, da arte delle istituzioni e delle Associazioni dei consumatori . Lo si evince dalle numerose sanzioni comminate negli ultimi mesi alle società che operano in maniera scorretta nei confronti dei consumatori e dalle sempre maggiori segnalazioni da parte delle Associazioni. Un’attenzione che, nel corso del tempo, contribuirà a garantire maggiori tutele ai consumatori e a segnare in maniera sempre più marcata la differenza tra le società scorrette e quelle che operano nel pieno rispetto dei cittadini. Risulta tuttavia evidente la necessità di dare un maggiore risalto a iniziative virtuose, come nel caso di questo Osservatorio, per non rischiare di fare tutta l’erba un fascio e restituire dignità agli operatori che operano onestamente.

Particolare attenzione è stata poi rivolta al fenomeno delle società di recupero crediti che, approfittando del clima di paura dei cittadini nei confronti del fisco, si appropriano di vesti grafiche simili a quelle utilizzate dall’Agenzia delle Entrate per intimidire i debitori e costringerli al pagamento. Su questo argomento, oltre all’interessante articolo a firma di Francesco Luongo di Movimento difesa del cittadino, si è quindi analizzato un caso specifico di sollecito epistolare scorretto, portato all’attenzione di tutti da Alessandra Paradisi della stessa Associazione.

Nel corso della riunione, insieme a esponenti di Euro Service Spa, sono state infine analizzate le modalità utilizzate dalla società per l’attività di recupero crediti telefonico ed epistolare.
Anche il secondo incontro dell’Osservatorio si è quindi concluso con successo, fornendo numerosi spunti di riflessione sull’attuale situazione del comparto del recupero crediti. La presenza di un’altra società come Key People Srl dimostra la sempre maggiore sensibilità dei professionisti di questo settore nei confronti dei consumatori e la volontà di rendere la politica del credito sempre più trasparente e attenta alle esigenze sociali. Il percorso cominciato da pochi mesi inizia a dare i primi frutti, dimostrando ancora una volta la comunione di intenti tra Euro Service Spa e le Associazione dei Consumatori, con la consapevolezza che una collaborazione attiva è l’unica strada da intraprendere per raggiungere standard di eccellenza nel comparto del recupero crediti.
Il prossimo appuntamento è stato fissato per il mese di ottobre.